CATWOMAN RECENSIONE

Posted on 23 Ott 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Catwoman

Nazione: USA

Anno: 2004

Regia: J.C-Comar

Con: H.Berry, S.Stone

INTRODUZIONE

Ben prima dell’inizio della tendenza dei cinecomic vi furono alcuni esperimenti sui supereroi, con riusltati non sempre eccellenti e non ancora inseriti in un vero e proprio progetto organico.

Vediamone un altrp esempio.

TRAMA

Catwoman è un film che racconta la straordinaria storia di Patience Ohilliops, grafica pubblicitaria presso un’azienda in procinto di lanciare sul mercato una nuova crema.

Una sera la donna scopre un inquietantissimo segreto su questo prodotto e cercando di fuggire annega in un canale per lo smaltimento delle scorie.

Misteriosamente si risveglia tempo dopo scoprendo di essere in possesso di alcune abilità particolari. Inizierà per lei una seconda vita.

OPINIONI

Catwoman è un film che ho visto per la seconda volta dopo tanto tempo qualche giorno fa e che dovrebbe far parte, in qualche modo, dell’universo dei personaggi secondari legati a Batman, eppure, in questa pellicola, non si fa alcun riferimento a questo mondo.

Forse, trattandosi di un progetto di sedici anni fa, non c’era ancora nemmeno l’idea di un mondo condiviso.

Non ricordo neppure dove sia ambientata la storia ma, per esempio, non viene nominata Gotham.

TECNICAMENTE

Il film non è realizzato al massimo delle potenzialità, forse perché si tratta di uno dei primi esperimenti di un genere che diventerà tale solo quattro anni più tardi.

Gli effetti visivi, infatti, non sono all’altezza delle moderne produzioni e lo stile risulta molto ingenuo ed acerbo.

La caratterizzazione dei personaggi, però, rappresenta un punto forte, rendendoli, di fatto, molto più umani, in particolare per quanto riguarda i cattivi, una normale coppia in crisi, nella quale la donna si vede messa in disparte da un’altra, molto più giovane e bella.

CONCLUSIONI

Un esperimento interessante ma che, come tanti altri prima non ha avuto, fores, il riscontro che ci si sarebbe attesi.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

THE PRESTIGE RECENSIONE

Posted on 21 Ott 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: The Prestige

Nazione: USA

Anno: 2006

Regia: C.Nolan

Con: C.Bale, H.Jackman

INTRODUZIONE

L’ambiente dello spettacolo e in particolare della prestidigitazione può essere estremamente affascinante, tuttavia questa particolare forma d’intrattenimento ha regole precise e sottopone chi la pratica ad una certa “pressione”.

Quando questa diventa troppo elevata i risultati possono essere disastrosi!

TRAMA

The Prestige è un film che racconta la storia dell’accesa rivalità tra due illusionisti, convinti, logicamente, di  saper fare ognuno meglio dell’altro.

La loro “guerra” causerà danni incalcolabili, spingendoli quasi alla pazzia e portando a conseguenze estreme, non ultima un’accusa di omicidio.

OPINIONI

The Prestige è un film che, come i precedenti dello stesso regista, ovvero la Trilogia del Cavaliere Oscuro, non ricordavo di aver visto e che ho recuperato ieri.

Devo dire di non aver compreso pienamente un passaggio e il legame di un personaggio con il mondo della magia e dell’illusionismo.

Siamo a fine Ottocento e nella pellicola viene accennato ai primi esperimenti con l’elettricità.

Suppongo, quindi che, per il tempo si trattasse di una tale innovazione tecnologica da essere paragonata, per certi versi, alla magia, intesa in senso soprannaturale.

TECNICAMENTE

Il film ha un buon comparto tecnico e visivo, soprattutto per quanto riguarda la realizzazione di un certo trucco che coinvolge una sorta di macchina per i fulmini, non ricordo il termine preciso e neppure il nome del trucco per il quale viene utilizzata.

Le interpretazioni sono di ottimo livello e restituiscono perfettamente quella vena di follia e di ossessione tipica di certi personaggi cinematografici o letterari costantemente in lotta e che danno l’idea di esserlo da sempre e per sempre.

CONCLUSIONI

Intenso e coinvolgente, una pellicola sulla pericolosità dell’ossessione e sull’importanza di lasciarsi il passato alle spalle, prima che sia troppo tardi.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

GUNS AKIMBO RECENSIONE

Posted on 19 Ott 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Guns Akimbo

Nazione: Germania, Nuova Zelanda, UK, Belgio

Anno: 2019

Regia: J.L.Hawden

Con: D.Radcliffa, S..Weaving

INTRODUZIONE

Le pellicola ispirate ai videogiochi, anche solo dal punto di vista estetico rappresentano un genere sempre più diffuso, tanto da spingere alcuni a pensare che potrebbe trattarsi della prossima tendenza cinematografica, una volta esauritosi il filone delle produzioni tratte dai fumetti, per intenderci quelle supereroistiche, in stile Marvel o DC.

Vediamo in questo caso com’è andata.

TRAMA

Guns Akimbo è un film ambientato in un futuro imprecisato in cui una compagnia televisiva ha assunto il completo controllo della società, grazie ad un programma che fa della violenza e della morte il suo punto focale.

Miles è un giovane programmatore di videogiochi che, una sera, dopo essere stato aggredito da alcuni misteriosi individui, si risveglia con due pistole avvitate alle mani.

Il suo obiettivo sarà quello di sopravvivere ai killer inviati dal programma.

OPINIONI

Guns Akimbo è un film del quale avevo già sentito parlare, ma che non avevo ancora visto.

Posso dire di averlo apprezzato molto, soprattutto dal punto di vista estetico che, secondo me, si riallaccia, almeno in parte alla professione svolta dal protagonista.

TECNICAMENTE

Guardando il film, infatti, è quasi impossibile non avere la sensazione di trovarsi davanti ad una sorta di enorme videogioco, la struttura stessa della storia sembra voler ricondurre, almeno in parte, a dinamiche classiche di alcuni sparatutto, come Doom o simili.

I “cattivi” hanno quel pizzico di caratterizzazione visiva che li rende simili  a personaggi di alcuni videogiochi,  anime o film anni Ottanta, come Ken il Guerriero o Mad Max.

CONCLUSIONI

Una storia assurda, calata in un contesto completamente folle, che prende molto dal contesto videoludico, sia esteticamente che narrativamente.

Il finale potrebbe suggerire l’apertura a possibili sequel


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

UN NUOVO PROGETTO

Posted on 15 Ott 2020 in Videogiochi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

The Sims è una saga videoludica molto popolare, che conta decine di espansioni e contenuti di vario tipo, prodotti, oltre che dagli sviluppatori, dalla stessa community.

Capita, infatti, che i giocatori di questo titolo si “lamentino”, anche sugli spazi social degli stessi sviluppatori, dell’assenza di certi contenuti, come i passeggini, gli hotel, le seconde case, i letti a castello, i cavalli o la fattoria e via dicendo.

Recentemente, poi, il famoso brand di cassa Electronic Arts, ha avviato una collaborazione temporanea con un altro franchise cinematografico di lungo corso, creando The Sims 4 Star Wars Viaggio a Batuu, un gamepack che ha fatto molto discutere.

Un capitolo a parte è invece rappresentato dalle cosiddette MOD, componenti aggiuntive che, insieme ai CC, ossia contenuti personalizzati, creati dai giocatori, integrano determinate dinamiche all’interno del mondo di gioco.

Ultimamente un piccolo sviluppatore ha presentato al pubblico, all’interno del proprio canale YouTube la sua ultima fatica, The Sims 4-Brookheights, invitando a supportare questo progetto sulla propria pagina Patreon.

Personalmente non ho alcuna possibilità di sostenere economicamente questo contenuto, ma spero che, una volta completo, verrà reso disponibile a tutti i giocatori interessati, in modo semplice ed immediato, dato che, per ora, l’unico modo per accedere ai contenuti disponibili è sostenere economicamente l’autore, con donazioni tramite PayPal o carta di credito.

Intanto vi invito a guardare il trailer, disponibile sul canale YouTube del creatore, un certo Arnie e perché no, a condividerlo, attivando un passaparola, con tutti i vostri amici appassionati di The Sims.

Un contenuto sicuramente interessante che sembra cambiare totalmente determinati aspetti del gioco, introducendo elementi come i mezzi di trasporto, gli alberghi e la modalità storia,  finora quasi assenti nella saga classica.

In arrivo prossimamente un modo completamente nuovo di giocare!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

LE STRADE DEL MALA RECENSIONE

Posted on 12 Ott 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Le Strade del Male

Nazione: USA

Anno: 2020

Regia: A.Campos

Con: R.Pattinson, T.Holland

INTRODUZIONE

La Fede e la Religione possono avere un ruolo più o meno importante nella vita di ognuno di noi, aiutandoci a superare momenti particolarmente difficili.

Quando si sfocia nel fanatismo, però, la questione rischia di diventare pericolosa.

TRAMA

Le Strade del Male è un film, ambientato nel periodo della guerra, che racconta la storia di Willard, ragazzo cresciuto in un piccolo paese da un padre estremamente rigido e devoto.

L’educazione del genitore avrà profondi riflessi sulla vita del giovane.

OPINIONI

Sono rimasto fin da subito estremamente incuriosito da Le Strade del Male, ma non mi aspettavo di certo un film così profondo.

Sappiamo tutti, in qualche modo, fin dove può arrivare la superstizione e il bigottismo in certe comunità sperdute, soprattutto nel Sud degli Stati Uniti, ma vederlo fa tutto un altro effetto.

Aggiungiamoci, poi, il contesto storico, poco prima della metà degli anni Cinquanta e il risultato è “esplosivo”

TECNICAMENTE

Il film ha un ottimo lato tecnico, che enfatizza in modo particolare determinati aspetti: la regia evidenzia in modo particolare l’ambientazione nelle scene all’esterno, ampie ma claustrofobiche allo stesso tempo.

Alcuni personaggi sono anche molto inquietanti e spaventosamente realistici, come nek caso del pastore.

CONCLUSIONI

Una pellicola estremamente cruda e potente, che dimostra fin dove è disposta a spingersi la gente “per amore di Dio”.

Alcune scene richiedono un certo “stomaco”


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

SONIC-THE HEDGEHOG RECENSIONE

Posted on 08 Ott 2020 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Sonic-The Hedgehog

Nazione: USA

Anno: 2020

Regia: J.Fowlei

Con: J.Marsden, J,Carrey

INTRODUZIONE

Dopo Pokèmon: Detective Pikachu, un altro marchio videoludico prende vita sul grande 4 schermo.

Che sua l’inizio di una nuova tendenza cinematografica?

È ancora molto presto per dirlo

TRAMA

Sonic-The Hedgehog è un film che racconta l’incontro, molto bizzarro, tra lo sceriffo di una piccola cittadina e uno strano riccio blu proveniente da un’altra dimensione.

Dopo l’ovvia perplessità iniziale i due dovranno unire le loro forze per sconfiggere il malvagio Dottor Eggma, che sembra intenzionato ad assorbire in qualche modo la velocità della creatura per poterla sfruttare, potenziando il suo esercito di robot.

OPINIONI

Volevo vedere da parecchio tempo questo film, uscito poco prima della chiusura totale dei cinema e del lockdown.

Devo dire che la pellicola mi ha suscitato una certa nostalgia: ricordo ancora i pomeriggi passati a giocare a Sonic sul SEGA Megadrive e sono stato molto contento di sapere dell’uscita del film e della nascita di uno studio che pare interessato ad occuparsi dello sviluppo di altre licenze videoludiche del colosso giapponese.

TECNICAMENTE

Sonic-The Hedgehog è un film che mette in mostra in buon comparto tecnico, indispensabile, secondo me, per realizzare, in maniera sufficientemente credibile, per quanto spettacolare, gli effetti visivi riguardanti i poteri del protagonista.

Sono presenti, ovviamente, anche alcune citazioni ai videogiochi, come la questione degli anelli, che qui assumono una certa importanza.

Anche la caratterizzazione visiva del cattivo è una citazione palese all’ambito videoludico, nonostante il personaggio possa sembrare, forse, eccessivamente sopra le righe, rappresentando, a tutti gli affetti, una sorta di evoluzione dello scienziato pazzo.

CONCLUSIONI

Un film che può essere apprezzato benissimo sia dai fan che dai non fan, i primi riconosceranno un personaggio che, in alcuni casi, ha fatto la loro infanzia e i secondi lo incontreranno per la prima volta. Prestate particolare attenzione alle scene post-credit, la seconda ,in particolare, preannuncia un possibile sequel, già confermato


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

GOTHAM RECENSIONE

Posted on 07 Ott 2020 in Televisione

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Gotham

Nazione: USA

Anno: 2016

Con: B.McKenzie, D.Mazouz

INTRODUZIONE

A volte, per comprendere pienamente l’operato di un supereroe, è necessario conoscerne le origini, anche se, come in questo caso, tutto può nascere da un desiderio distorto di giustizia.

TRAMA

Gotham è una serie tv che, come suggerisce il titolo tesso, è ambientata nell’omonima città in cui opera l’Uomo Pipistrello, il protagonista, infatti, è un Bruce Wayne estremamente giovane che, dopo la morte dei genitori, inizia a coltivare l’idea di vendicarsi sul responsabile.

A questo scopo il ragazzo stringerà amicizia con il commissario di polizia locale.

OPINIONI

Gotham è una serie tv della quale avevo già sentito parlare, in termini negativi, ma alla quale ho voluto dare, comunque una possibilità.

La sto seguendo proprio in questi giorni e devo ammettere che, sebbene si prenda parecchie libertà, si tratta, comunque, di un prodotto che merita.

Le caratterizzazioni dei personaggi, però, non rispecchiano esattamente quelle che si conoscono normalmente, in particolare per quanto riguarda uno di loro.

A meno che non spinti fuori “quello vero”, infatti non è così che si sviluppano le sue origini che richiederebbero, invece l’intervento di una “seconda parte” e un rapporto molto stretto tra loro.

TECNICAMENTE

Un aspetto che, invece, non mi sento di “condannare” completamente in questa serie tv è la realizzazione visiva, che renda perfettamente l’idea di una città marcia, corrotta e disperata, caratterizzata da un forte degrado, reso evidente attraverso l’uso di una fotografia dai toni molto cupi. Alcune interpretazioni, invece, risultano eccessivamente sopra le righe, sono presenti anche alcuni personaggi nuovi, tra i quali una sorta di interesse romantico del protagonista, quasi certamente assente nella controparte cartacea.

CONCLUSIONI

Una serie che vive tra luci e ombre, con linee narrative abbastanza interessanti, ma una certa confusione tra i personaggi.

Nonostante tutto non fatevi frenare dal pregiudizio e provate, almeno, ad iniziarla.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More