•  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: A Discovery of Witches-Il Manoscritto delle Streghe

Nazione: USA

Anno: 2018

Con: T.Palmer, M.Goude

INTRODUZIONE

Tornano in televisione e sulle piattaforme streaming le streghe, dopo la terza stagione delle Terrificanti Avventure di Sabrina e Luna Nera. Questa volta, però. tale creatura sovrannaturale è accompagnata da un’altra, il vampiro, qui nella sua versione più edulcorata e romantica, vediamo come.

TRAMA

A Discovery pf Witches-Il Manoscritto delle Streghe è una nuova serie tv che racconta la storia di Diana Bishop, giovane ricercatrice di Oxford, interessata, in modo particolare, a tutto ciò che riguarda l’occulto.

Questa passiona trova, ben presto, la sua spiegazione: la donna è. Infatti, una strega, cresciuta dalle zie, dopo la morte dei genitori.

Ben presto la sua strada si intreccerà con quella di Matthew. Inizialmente da lei ritenuto un semplice professore, in realtà un vampiro.

Quando Diana scoprirà di essere in grado di evocare un misterioso manoscritto, creduto perduto, ormai da secoli, inizierà una vera e propria caccia senza tregua e tra lei e Matthew nascerà una relazione sempre più forte.

TRAMA

A Discovery of Witches-Il Manoscritto delle Streghe è una serie tv molto interessante per diversi motivi: si tratta di una produzione ancora in onda, quindi la storio gin qui esposta è in via di conclusione, anche se mancano ancora solo due puntate, in secondo luogo si tratta del recupero di un certo tipo di immaginario “romantico”, qualcosa che può ricordare un incrocio tra Dracula e Romeo e Giulietta.

TECNICAMENTE

Molto buono l’utilizzo degli effetti visivi e della colonna sonora: per quanto riguarda i primi non è detto che nelle serie tv o nei prodotti in cui questi devono essere utilizzati siano sempre di buon livello.

La seconda, invece, impiega, addirittura, a volte, persino brani abbastanza noti, come in una delle prime puntate.

CONCLUSIONI

Nulla di particolarmente originale o innovativo, in particolare per ciò che riguarda la trama di base, ma consiglio, comunque di dare un’occhiata.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •