THE IMITATION GAME RECENSIONR

Posted on 25 Apr 2019 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: The Imitation Game
Nazione; USA
Anno: 2014
Regia: M.Tyldum
Con: B.Cumberbatch, K.Knightley

INTRODUZIONE
Il computer e l’informatica fanno, ormai, parte della nostra vita privata e professionale da anni, anzi da decenni, ma nessuno di noi si è mai fermato a riflettere su come questo potentissimo strumento sia effettivamente nato e sul ruolo che questa macchina e il suo creatore abbiano svolto ai tempi di uno dei più sanguinosi conflitti che la storia umana ricordi.

TRAMA
The Imitation Game è il film che racconta, in versione certamente più romantica e tragica la vita del brillanta matematico Alan Turing, artefice di un’invenzione rivoluzionaria.

Nel pieno della Seconda Guerra Mondiale Turing viene selezionato, insieme ad un gruppo di ricercatori, per un progetto governativo segreto: ideare una macchina in grado di decifrare in breve tempo le comunicazioni in codice trasmesse dall’esercito tedesco.

L’enorme pressione che comporta questo importantissimo incarico avrà gravi conseguenze sulla vita privata dell’uomo.

OPINIONI
The Imitation Game è un film che non avevo mai visto ma del quale avevo sentito parlare già tempo fa: sono sicuro di non essere l’unico a non conoscere la figura di Turing, nonostante questo le scene mostrate portano ad immedesimarsi molto nel protagonista, soprattutto nelle sequenze in cui viene mostrata la profonda frustrazione dell’uomo nei confronti di chi, in un modo o nell’altro, cerca di ostacolare il suo lavoro.

Pur non essendo il tema centrale è presente anche un discorso sull’omosessualità e su come venisse vista al tempo e quando viene illustrato il “compromesso” per risolvere questo “problema” arriva la parte più dura.

TECNICAMENTE
Anche l’aspetto tecnico in questo film ha la sua importanza: la fotografia è molto scura e cupa, adatta a sottolineare l’atmosfera di minaccia incombente.

Alan, interpretato da Benedict Cumberbatch, inizialmente appare un po’ freddo e cinico, caratteristica comune a tutti i personaggi portati sullo scherma finora da questo attore, da Sherlock a Doctor Strange.

CONCLUSIONI
Potente, intenso e drammatico, un punto di vista umano su un personaggio di cui non si parla tanto spesso.

La stessa Regina ha potuto riconoscere solo di recente il grande contributo apportato da quest’uomo, pubblicando una lettera ufficiale di scuse.

Magra consolazione, considerando la fine prematura della vita di Turing nella vita reale!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

SHAZAM! RECENSIONE

Posted on 11 Apr 2019 in Cinema

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Shazam!
Nazione: USA
Anno: 2019
Regia: D.Sandberg
Con: Z.Levy, M.Strong

INTRODUZIONE
Per la seconda volta la DC Comics ci mostra di non essere in grado di trattare i cinecomics esclusivamente in maniere “dark”.

Il primo tentativo in tal senso, infatti, avvenne con Suicide Squad. Anche in questo caso, però, si tratta della trasposizione di un personaggio non così conosciuto, vediamo meglio insieme.

TRAMA
Shazam! è un film che racconta le origini di un nuovo supereroe, partendo dalla storia di Billy Badson, orfano con continui problemi di inserimento nelle varie famiglie affidatarie.

Un giorno, nel tentativo di sfuggire ad un gruppo di bulli, Billy si rifugia nella metropolitana, che, improvvisamente, subisce un “guasto”, catapultandolo in un’altra dimensione.

Un mago gli affida i suoi poteri e la capacità di crescere istantaneamente, pronunciando una semplice formula.

Avrà inizio, allora una nuova vita ed una lotta contro le forze del male che minacciano la città e i suoi abitanti.

OPINIONI
Cinematograficamente parlando preferisco i film Marvel, molto più leggeri e divertenti, salvo rari casi, ma Shazam! mi ha dimostrato che anche una casa di produzione “rivale”, passata alla storia per pellicole molto serie e profonde, se vuole, può cimentarsi con produzioni decisamente più colorate e divertenti, di puro intrattenimento.

Un ostacolo può essere rappresentato dal personaggio, ancora non molto conosciuto, staremo a vedere con il possibile sequel.

TECNICAMENTE
Una cosa che potrei condividere riguarda le critiche circa il film dal punto di vista tecnico: le creature evocate dall’antagonista, rappresentanti i Sette Peccati Capitali, infatti, potrebbero non risultare poi così credibili.

Un discorso a parte, secondo me, può essere fatto sui riferimenti presenti nella pellicola, uno in particolare, infatti, denota una certa volontà di prendersi in giro, riguardo ad una pellicola precedente, non apprezzata dal pubblico.

CONCLUSIONI
Un buon prodotto che ha saputo divertirmi in più di un momento.

Rimanete davanti allo schermo fino alla fine dei primi titoli di coda, per assistere ad una piccola scena post-credit.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

R.I.P.D.-POLIZIOTTI DALL’ALDILÀ RECENSIONE

Posted on 09 Apr 2019 in Cinema

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Titolo: R.I.P.D.-Poliziotti dall’Aldilà
Nazione: USA
Anno: 2013
Regia: R.Schwentke
Con: R.Reynolds, M.L.Parker

INTRODUZIONE
La morte, in molti casi, non viene vista come la fine di qualcosa, ma come un nuovo inizio, o meglio è così solo in alcune culture.

Quando questa si configura come una sorta di passaggio per una nuova dimensione, totalmente surreale, il divertimento è garantito.

TRAMA
R.I.P.D.-Poliziotti dall’Aldilà è un film che racconta la storia di Nick, giovane agente impegnato in una difficile operazione per arrestare un pericoloso boss della droga.

Quando l’uomo viene ucciso in servizio da un collega si trova, improvvisamente, in un’altra dimensione ed entra in contatto con il Dipartimento Riposa in Pace, una specie di forza di polizia dell’aldilà.

La sua missione sarà quella di recuperare tutti i frammenti di un misterioso manufatto, al fine di impedirne la costruzione e il ritorna dei morti sulla Terra.

OPINIONI
R.I.P.D.-Poliziotti dall’Aldilà è un film che si configura, di fatto, già in partenza, come una parodia dei classici polizieschi: il nome stesso del Dipartimento, infatti, gioca fin da subito con un’ambiguità, infatti, in inglese R.I.P. significa “Riposa in Pace” e P.D. “Police Department”, ovvero Dipartimento di Polizia, quindi, anche se la sigla non venisse spiegata nei primi minuti del film sarebbe, comunque, facilmente intuibile.

TECNICAMENTE
Credo che, dal punto di vista tecnico, più che di effetti visivi si possa quasi parlare di veri e propri effetti speciali, dal momento che, secondo me, alcune cose all’interno del film siano state realizzate sfruttando veri e propri “effetti speciali tangibili”, piuttosto che effetti digitali.

Le creature, ad esempio, i cosiddetti Dead-O, sembrano ottenuti utilizzando maschere e pupazzi, anche se, non essendo esperto, potrei sempre sbagliarmi.

CONCLUSIONI
Un film che parte da una buona idea e la sviluppa in modo abbastanza originale e divertente.

È un po’ “vecchio”, ma merita una visione.


  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
Read More

MAMMA MIA!-CI RISIAMO RECENSIONE

Posted on 08 Apr 2019 in Cinema

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Titolo: Mamma mia! Ci risiamo
Nazione: USA
Anno: 2018
Regia: O.Parker
Con: A.Seyfried, D.Cooper

INTRODUZIONE
A volte, quando si cerca di organizzare un evento importante, si vuole che tutto vada per il verso giusto, soprattutto se si lavora tanto per portare a termine un determinato progetto e l’evento menzionato prima ne segna la conclusione.

Purtroppo in questo caso, la protagonista dovrà affrontare diversi problemi prima di raggiungere il suo obiettivo.

TRAMA
Mamma mia! Ci risiamo è un film tratto da una storia totalmente originale, a differenza del precedente.

Sono passati anni dalla morte di Donna e Sophie ora vorrebbe inaugurare un nuovo albergo sull’isola che, in qualche modo, possa rendere omaggio alla madre.

Contemporaneamente assistiamo alla storia del personaggio di quest’ultima, ambientata nel 1979 e all’estate in cui la ragazza conobbe, nel corso di un’estate, tre giovani, avendo una piccola storia con ognuno di loro.

OPINIONI
Lo so, la trama di Mamma mia! Ci risiamo riassunta nel punto precedente crea una leggera confusione, ma, se avete visto il film precedente, torna tutto quanto.

Risulta subito chiara, fin dai primi minuti, l’assenza di Donna “per cause di forza maggiore”, quindi ci si sposta, quasi fin da subito, tra passato e presente e questa sorta di ping-oong è presente nel corso di tutta la pellicola.

Qui facciamo anche la conoscenza della nonna di Sophie che, in un certo senso, è uno “spirito libero” come la figlia.

TECNICAMENTE
L’aspetto tecnico si mantiene sul livello del film precedente, restituendo perfettamente l’idea della spensieratezza e della leggerezza tipiche sia della giovinezza che dell’estate.

Immancabili, anche in questo caso, le canzoni degli ABBA, sia i classici più conosciuti, che vengono anche “canticchiati” dai personaggi, sia alcuni brani che, magari, sono noti quasi solo presso u fan del gruppo, ad eccezione di una canzone in particolare, collocata, più o meno, verso il finale.

CONCLUSIONI
Non è da tutti ed è anche piuttosto difficile realizzare il sequel di un’opere riconosciuta ed apprezzata da molti, devo dire che, in questo caso, ho gradito il risultato.


  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
Read More

MAMMA MIA! RECENSIONE

Posted on 04 Apr 2019 in Cinema

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

 

Titolo: Mamma mia!
Nazione: OK/Germania
Anno: 2008
Regia: P.Lloyd
Con: M.Streep, P.Brosnan

INTRODUZIONE
Le storie estive sono qualcosa di molto comune, al punto tale che certe persone riescono ad averne anche più di una all’anno.

Se si è particolarmente “leggeri” può capitare che tali relazioni producano un certo frutto e che, a distanza di qualche anno, si cerchi di fare il possibile per rintracciarne l’origine, come accade in questo caso.

TRAMA
Mamma mia! è la trasposizione cinematografica di un celebre musical, rappresentato ancora oggi dalle compagnie teatrali.

Sophia è una ragazza prossima alle nozze che, come da tradizione, vuole essere accompagnata all’altare dal padre.

Il problema è che la madre della ragazza, da giovane, ha avuto tre piccole “avventure” nel corso della stessa estate, quindi bisogna cercare di capire chi potrebbe essere il vero padre della giovane prima del suo matrimonio.

La “convivenza” tra i tre ex-pretendenti della donna darà il via ad una catena di situazioni assurde.

OPINIONI
Mamma mia! è una trasposizione cinematografica che rappresenta il classico esempio di “commedia degli equivoci”: i tre uomini in questione non sanno l’uno della presenza degli altri, così come non sono a conoscenza del vero motivo dell’invito.

Una situazione piuttosto verosimile, dal mio punto di vista, che potrebbe capitare abbastanza facilmente anche nella vita reale: spesso le donne hanno più di un partner e può capitare che, da una di queste relazioni nasca un figlio e che, anni dopo, non si riesca più a risalire all’identità del vero padre.

TECNICAMENTE
Essendo la trasposizione cinematografica di un musical la colonna sonora è molto importante e composta interamente da brani del suddetto, cantati dagli interpreti, in questa versione, dagli interpreti della pellicola, ma passati alla storia grazie agli ABBA, un famoso gruppo musicale anni Settanta.

CONCLUSIONI
Un musical molto suggestivo, frizzante e divertente,

Disponibile da qualche tempo anche un sequel/prequel, con protagonista la madre di Sophia.


  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares
Read More

MOONLIGHT RECENSIONE

Posted on 28 Mar 2019 in Cinema

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

Titolo: Moonlight
Nazione: USA
Anno: 2016
Regia: B.Jenkins
Con: T.Rhodes, J.Monàe

INTRODUZIONE
Crescere può essere un processo lungo, difficile e a volte persino doloroso ma, spesso, si viene aiutati da persone che dovrebbero avere il compito di aiutarti e guidarti nelle scelte giuste.

Se si vive in contesti e situazioni particolarmente difficili e degradati può essere ancora più complicato.

TRAMA
Moonlight è un film che racconta la difficile esperienza di crescita di Chiron, ragazzino che vive in una realtà molto difficile, in cui la criminalità e lo spaccio sembrano essere le uniche alternative possibili. Fortunatamente nel suo percorso il giovane incontrerà alcune figure che proveranno ad insegnargli parte dei valori fondamentali per affrontare la vita.

OPINIONI
Moonlight non è un film semplice e “per tutti”, sia per quanto riguarda le tematiche affrontate: la crescita in un quartiere difficile e apparentemente senza speranza, pieno di criminalità e tossicodipendenza, sia per l’approccio che sceglie di adottare per trattarle, superficialmente senza speranza e senza possibilità di riscatto.

La storia segue il protagonista in quasi tutta la sua evoluzione, durante la quale, comunque, questa sensazione sembra accompagnarlo costantemente.

TECNICAMENTE
Questo senso di “disperazione” viene trasmesso efficacemente anche grazie al comparto tecnico, con una fotografia dai colori sempre molto freddi.

Il film è diviso, idealmente, in tre parti che rappresentano altrettante fasi della vita di Chiron, ognuna contrassegnata da un titolo e interpretata da un attore diverso che rappresenta il bambino, l’adolescente e l’adulto.

In un certo senso si cerca di accennare anche all’omosessualità, ma l’argomento viene presto abbandonato, non essendo il fulcro principale della storia.

CONCLUSIONI
Intenso, suggestivo ed emozionante, anche se, certamente, non facile da “digerire”, una pellicola che merita una visione.

Vincitrice dell’Oscar come Miglior Film nel 2016, anche se, probabilmente, ciò non significa molto, per alcuni.

Provate, comunque, a recuperarla, se e dove possibile.


  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
Read More

Navigando tra queste pagine, esprimi il tuo consenso all'utilizzo dei cookies. Maggiori Info

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti.

Per maggiori informazioni sui cookies, visita questo sito.

Chiudi