QUASIDÌ RECENSIONE

Posted on 05 Ott 2018 in Attualità, Tecnologia

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Titolo: Quasidì
Nazione: Italia
Anno: 2018
Condotto da: I.Zodiaco, V.Tovich

INTRODUZIONE
La cosiddetta “responsabilità civile” riguarda tutti noi e ciò che possiamo fare per diventare persone migliori.

YouTube è una delle piattaforme più utilizzate per produrre e fruire contenuti, che possono essere anche di un certo “valore”.

Come si collegano questi due aspetti?

Vediamolo insieme, analizzando questo particolarissimo esperimento.

STRUTTURA
Quasidì è un podcast autoprodotto che affronta vari argomenti, legati all’attualità, all’ambiente, all’etica e così via.

L’intenzione che sta alla base di questo progetto credo sia quella di responsabilizzare tutti noi su questi temi importanti, sui quali, tuttavia, distratti dalla vita di tutti i giorni, non possiamo o non vogliamo riflettere.

OPINIONI
Quasidì è un podcast abbastanza interessante, tenendo conto che è molto difficile riflettere seriamente sulle tematiche proposte, perché, magari, mancano gli strumenti per poterlo fare.

Alcune tematiche, però, sono leggermente più semplici di altre: l’ultima puntata caricata, ad esempio, trattava il tema del vandalismo, partendo dalla sua accezione più classica, ovvero quella che riguarda persone che imbrattano e rovinano opere pubbliche, passando, poi, al vandalismo in Rete, che consiste, ad esempio, nel riempire la bacheca Facebook di una persona di insulti e post offensivi solo perché sei in disaccordo con le sue opinioni.

Effettivamente, sui social, la gente si sente protetta, perché “schermata” da una tastiera e da un nickname e questo è vergognoso.

TECNICAMENTE
Trattandosi di un podcast autoprodotto i mezzi tecnici impiegati sono piuttosto “poveri”, ma è possibile sostenere questa iniziativa tramite alcune forme di donazione simbolica.

È presente, ad esempio, una pagina su un sito chiamato ko-fi, che consente di finanziare l’iniziativa attraverso l’offerta simbolica di un caffè, una cifra, quindi, irrisoria, pari a uno o due euro.

CONCLUSIONI
Un prodotto interessante, creato da due ragazze che hanno davvero “qualcosa da dire” e che lo fanno in maniera piuttosto leggera ed ironica, pur affrontando temi importanti.


  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares
Read More

READY PLAYER ONE RECENSIONE

Posted on 02 Ott 2018 in Cinema, Tecnologia, Videogiochi

  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

Titolo: Ready Player One
Nazione: USA
Anno: 2018
Regia: S.Spielberg
Con: T.Sheridan, O.Cooke

INTRODUZIONE
I videogiochi e la realtà virtuale sono mezzi d’intrattenimento che stanno acquisendo sempre maggiore popolarità e dignità con il passare degli anni, tanto da fornire spunti sempre crescenti per nuove produzioni in ambito cinematografico.

Questa volta non si tratta della semplice trasposizione di un brand o di una saga, ma di una creazione totalmente diversa, vediamo come.

STORIA
Ready Player One è un film fantascientifico distopico in cui una potentissima compagnia, inizialmente produttrice di una tecnologia applicata, principalmente, in ambito videoludico ha assunto il controllo dell’intera società, instaurando una sorta di regime.

L’unica speranza di libertà per i cittadini è rifugiarsi in un mondo virtuale, chiamato Oasis.

Quando si sparge la notizia che il creatore di questo mondo ha nascosto al suo interno una “sorpresa” che darà la possibilità a chiunque la trovi di assumere il controllo dell’intro mondo virtuale, parte una gigantesca caccia al tesoro che avrà esiti totalmente inaspettati.

OPINIONI
Ready Player One, come avete avuto modo di capire, è un film “sui videogiochi”, nel senso che non si tratta della trasposizione sul grande schermo di un titolo videoludico più o meno famoso, ma il riferimento principale è comunque da ricercarsi in questo ambito, anche se, più in generale, le citazioni fanno riferimento alla cultura pop.

Oltre alla sfera dei videogiochi vengono toccati anche ambiti come il cinema, in particolare con un riferimento abbastanza riconoscibile ad una famosa pellicola horror.

TECNICAMENTE
Trattandosi prevalentemente di un film ambientato in un mondo virtuale vi è un massiccio impiego di effetti visivi e CGI, ovvero grafica digitale, realizzata al computer.

Le poche scene ambientate nel mondo reale, invece, nostrano una fotografia molto cupa, che rende perfettamente l’idea dell’oppressio0ne e della disperazione di un mondo post-apocalittico.

CONCLUSIONI
Spettacolare fino all’ultima scena e ricco di citazioni che faranno felici molti appassionati di cinema “nerd” e videogiochi.

Purtroppo, in situazioni come quella presentata in quest’opera, la vita virtuale è meglio della realtà.


  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares
Read More

AMAZON PRIME VIDEO RECENSIONE

Posted on 01 Ott 2018 in Tecnologia, Televisione

  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

Nome: Amazon Prime Video
Paese USA
Anno: 2006
Arrivo in Italia: 2016

INTRODUZIONE
Lo streaming legale a pagamento, detto “on-demand” è o sta diventando una delle nuove forme di fruizione dell’intrattenimento, con cataloghi di varia ampiezza, ma sempre in costante crescita, sia attraverso produzioni originali, sia tramite acquisizioni.

Anche un colosso come Amazon non ha saputo resistere alle ghiotte opportunità offerte da queste nove forme di business, vediamo come.

FUNZIONAMENTO
Amazon Prime Video è il servizio streaming offerto dal colosso americano, leader nella consegna per corrispondenza.

Per accedere è sufficiente creare il proprio account Prime, registrandosi tramite il sito, anche solo attivando la prova gratuita.

Scaduto tale periodo, che dovrebbe essere circa di trenta giorni è ovviamente possibile rinnovarlo, pagando una piccola quota mensile.

Il servizio, però, è utilizzabile anche durante il periodo di prova.

IMPRESSIONI
Ho appena iniziato ad utilizzare Amazon Prime Video e devo ammettere di trovarmi abbastanza bene, grazie a questo servizio streaming ho anche scoperto una nuova serie tv Marvel, di cui ho già parlato in precedenza, che mi sta appassionando molto, Cloak & Dagger,

TECNICAMENTE
I problemi veri sorgono quando si cerca di utilizzare questo servizio streaming sul proprio televisore, almeno per quanto ci riguarda.

Se non ho capito male è una questione di “incompatibilità” tra il servizio e la tecnologia Chromecast, una sorta di “chiavetta USB” creata da Google.

Spero che in futuri aggiornamenti troveranno il modo di risolvere il problema.

CONCLUSIONE
Un servizio che offre intrattenimento di discreta qualità, sia per quanto riguarda il cinema, sia dal punto di vista delle serie televisive.

Consigliato a chiunque, anche se con qualche riserva, dovuta al problema esposto poco fa.

Se preferite guardare film e serie direttamente dal vostro dispositivo fisso o mobile, invece, non vi sono grossi problemi, a patto, ovviamente, di disporre di una buona connessione.

Provare per credere!


  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares
Read More

RITORNA IL PODCAST “DI TUTTO UN PO’”

Posted on 06 Giu 2018 in Cinema, Tecnologia, Televisione

  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

A volte può capitare di iniziare un progetto e poi di volerlo abbandonare a causa di una piccola “crisi d’ispirazione” o per mancanza d’idee.

È un po’ quello che è successo anche a me: ricordate Di Tutto un Po’-Il Podcast, un vecchio progetto iniziato tempo fa e del quale, tuttora, sono disponibili solo le prime due puntate?

Ho il piacere di annunciarvi che ho deciso di riprendere la registrazione di questo progetto, lasciando, temporaneamente da parte, per il periodo estivo, la registrazione di quello sulle avventure grafiche, che riprenderà a Settembre, seguendo il modello di alcuni programmi televisivi, che ripartono con la programmazione dei nuovi episodi dall’autunno.

Questo lo faccio principalmente perché voglio dare il tempo ai miei canali e soprattutto al Podcast degli Avventurieri per “maturare” le visualizzazioni, concentrandomi, nel frattempo, sul cinema e le serie tv, che sono altre due mie grandi passioni, sicuramente meno “di nicchia” rispetto alle avventure grafiche. Diciamo solo che ho deciso di variare, ampliando l’offerta dei miei progetti con qualcosa che possa risultare vagamente più “stuzzicante” e dato che tutti noi, almeno una volta ogni tanto, andiamo al cinema o seguiamo una serie tv, vorrei approfittarne per darvi alcuni consigli.

Le prime tre puntate, per chi le ricorda, trattavano Tredici, la terza stagione di Twin Peaks e un discutibile esperimento pseudo-letterario, basato sulla “conversione di Harry Potter in chiave cristiana. Non voglio anticipare altro sulle nuove puntate del podcast. Invitandovi, però, a seguire gli sviluppi di questa iniziativa condividendo le puntate, mettendo Like, commentando ed iscrivendovi al canale.

Spero che mi sosterrete in questa “nuova” idea e vi ringrazio anticipatamente per tutto il sostegno e l’affetto che vorrete dimostrarmi.

Concludo segnalandovi che è attualmente in fase di revisione il mio secondo libro, dal titolo “Serie TV, Netflix & Co.-Guida alla Visione e Consigli”, sull’uscita del quale, ovviamente, non mancherò di tenervi aggiornati.


  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
Read More

TRON RECENSIONE

Posted on 29 Mag 2018 in Cinema, Tecnologia, Videogiochi

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
    5
    Shares

 

Titolo: Tron
Nazione: USA
Anno: 1982
Regia: S.Lisberger
Con: J.Bridges, C.Morgan

INTRODUZIONE
La tecnologia e le sue possibili implicazioni nella nostra vita sono sempre stati oggetto di dibattito e di ispirazione per gli scrittori di fantascienza.

A quanto sembra le prime opere su questo argomento risalgono addirittura agli anni Ottanta, ma forse anche prima ed è proprio di uno di questi casi che vorrei parlarvi oggi.

STORIA
Tron è un film di fantascienza che si basa, in un certo senso, sul tema, caro a molti autori di fantascienza, dell’intelligenza artificiale che tenta di prendere il controllo sul mondo che la circonda, anche se, in questo caso, si tratta di qualcosa di leggermente più “circoscritto”.

La storia è quella di Kevin, programmatore informatico che, una sera, viene “risucchiato” all’interno di un computer, trovandosi all’interno di un mondo di realtà virtuale.

Il suo obiettivo sarà quello aiutare i programmi ribelli a sconfiggere la malvagia entità digitale nota come Master Control Program o MCP, prima che possa prendere il controllo dell’intero sistema.

OPINIONI
Da appassionato di informatica, tecnologia e videogiochi, devo ammettere di aver apprezzato molto Tron, anche se, purtroppo, si tratta di un film che, qualche volta, si abbandona a qualche tecnicismo non troppo facile da comprendere per i “profani”.

Nonostante questo la storia non disdegna anche riferimenti all’ambito videoludico, soprattutto nei dialoghi, tanto da far pensare che le tecnologie sviluppate dai protagonisti siano applicabili o applicate a questo ambito, quindi, anche se non viene citato esplicitamente il termine “videogioco”, probabilmente ci troviamo in presenza di una sorta di game designer.

TECNICAMENTE
Questa volta posso dirvi di più sull’aspetto tecnico, che mi ha colpito particolarmente: la regia di questo film è chiarissima e non permette di perdere neanche un dettaglio, la fotografia, invece, è l’aspetto che colpisce maggiormente, con scene, ambientate nel mondo virtuale, interamente sui toni del blu o comunque con colori molto “elettrici” e al neon, per dare l’impressione del mondo elettronico/virtuale.

CONCLUSIONI

Un film molto “avanti” e in anticipo sui tempi che, tanto gli appassionati di realtà virtuale quanto i videogiocatori, potrebbero apprezzare.

Secondo me è il precursore dell’ultimo lavoro di Spielberg.


  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
    5
    Shares
Read More

YOUNG SHELDON RECENSIONE

Posted on 01 Mar 2018 in Tecnologia, Televisione

  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

Titolo: Young Sheldon
Nazione: USA
Anno: 2017
Con: J.Armitage, R.Revor

INTRODUZIONE
Ormai da molti anni stiamo assistendo all’utilizzo, sempre crescente della pratica dei sequel, dei remake e degli spinoff.

Spesso alcuni di questi vengono realizzati sull’onda del successo di un certo prodotto, magari per approfondire le “origini” di un determinato personaggio, proprio come in questo caso.

STORIA
Young Sheldon è una serie tv ambientata in Texas nel 1989 che racconta la vita della famiglia Cooper, apparentemente normale, se non fosse per il fatto che uno dei figli, il giovane Sheldon, gode di un eccezionale vantaggio: un’intelligenza fuori dal comune, che lo porterà ad affacciarsi al mondo dell’istruzione superiore a soli nove anni.

Almeno inizialmente la vita per il ragazzino non sarà affatto semplice ma, in un certo senso, tutti sappiamo come andrà a finire.

Tutto ciò è narrato dalla voce della “versione adulta” di Sheldon che già conosciamo.

OPINIONI
Ho appena iniziato a guardare Young Sheldon e devo dire che, nonostante venga presentata come serie tv comedy, almeno per il momento, non sembra faccia così ridere o forse si tratta semplicemente di un tipo di umorismo un po’ diverso.

Il discorso sugli spinoff e sul “sapere già come andrà a finire” deriva semplicemente dal fatto che si tratta di un prequel della famosa serie tv The Big Bang Theory.

In questo modo possiamo scoprire l’origine di alcune “fisse” di Sheldon.

TECNICAMENTE
Come in ogni serie tv non è importante tanto l’aspetto tecnico quanto la caratterizzazione dei personaggi.

Purtroppo devo dire che, da questo punto di vista è stato fatto un lavoro che si basa troppo su alcuni stereotipi provenienti da caratterizzazioni dei texani e non solo di alcune produzioni passate: il genio, il fratello maggiore bullo, la madre devota cattolica e non si capisce se ciò sia fatto per la volontà di “mettere alla berlina” certi atteggiamenti o meno.

CONCLUSIONI
Una serie tutto sommato abbastanza godibile, che racconta il passato di uno dei personaggi più amati e odiati della televisione.


  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares
Read More

Navigando tra queste pagine, esprimi il tuo consenso all'utilizzo dei cookies. Maggiori Info

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti.

Per maggiori informazioni sui cookies, visita questo sito.

Chiudi