C’ERA UNA VOLTA NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE RECENSIONE

Posted on 15 Ott 2019 in Televisione

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: C’era una Volta nel Paese delle Meraviglie
Nazione: USA
Anno: 2013
Con: S.Lowe, P.Gadini

INTRODUZIONE
Gli universi condivisi e le serie correlate a certi titoli non sono, certo, un’invenzione degli ultimi anni come, probabilmente, alcuni di voi potrebbero pensare.

Esaminiamo questo particolare caso, risalente, ormai a sei anni fa.

TRAMA
C’era una Volta nel Paese delle Meraviglie è una serie tv spin-off della ben più nota Once Upon a Time, della quale riprende, infatti, parte del titolo.

Dopo la sua straordinaria e surreale avventura Alice torna a casa ma, ritenuta pazza, viene rinchiusa in un ospedale psichiatrico. Saranno il Coniglio Bianco e il Fante di Cuori a liberare la ragazza, riportandola nel Paese delle Meraviglie.

OPINIONI
Se avete avuto modo di vedere la serie tv “madre”, ovvero Once Upon a Time, avrete già compreso da anni la tendenza, in voga in questo tipo di produzioni, a “mescolare” diversi mondi e contesti, anche in questo caso non si fanno eccezioni, dato che in C’era una Volta nel Paese delle Meraviglie, oltre ad ovvi riferimenti al romanzo di Carroll, ne compaiono anche altri, relativi a Cenerentola e ad Aladdin.

La Regina Rossa o Regina di Cuori, infatti è Anastasia, sorellastra della protagonista del classico Disney anni Cinquanta, mentre compare anche Jafar, antagonista di Aladdin nel film omonimo.

TECNICAMENTE
Sfogliando le schede presenti in Rete ho scoperto che si tratta di una serie tv “a tecnica mista”, suppongo voglia dire realizzata in parte con ricostruzioni reali, tramite set, in parte in CGI.

Questo risulta particolarmente evidente nelle scene ambientate nel Paese delle Meraviglie, nelle quali i colori sono particolarmente brillanti.

Nelle ultime puntate vediamo anche il personaggio di Cora, già conosciuto negli anni scorsi, madre di Regina, quindi nonna adottiva di Harry!

CONCLUSIONI
Ovviamente le due serie non sono collegate ma, come per il predecessore, se volete una “versione alternativa” di alcune celebri fiabe, consiglio di recuperarla.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

THE BOYS RECENSIONE

Posted on 10 Ott 2019 in Televisione

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: The Boys
Nazione: USA
Anno: 2019
Con: J.Quaid, E.Morirty

INTRODUZIONE
I cosiddetti cinefumettu sono, ormai, parte della “cultura pop” da poco più di dieci anni, cioè da quando la Marvel ha avviato il suo progetto di “universo condiviso” che, almeno per ora, non accenna ad esaurirsi.

Questo fenomeno di proporzioni gigantesche è, forse, alla base di un bizzarro esperimento, che ci presenta un’immagine dei supereroi tutt’altro che rassicurante!

TRAMA
The Boys è una serie tv, targata Amazon Prime, ambientata in un mondo in cui i cosiddetti “super” sembrano essere integrati nella società civile da diverso tempo.

Poco dopo aver discusso con la sua ragazza il giovane Hugh la vede morire davanti ai suoi occhi, trascinata da un uomo che si muove a tutta velocità, il suo obiettivo diventerà, allora, ottenere giustizia. Gradualmente i propositi di Hugh cambieranno, spinti anche dall’amore per Annie, una vecchia amica, ora nota come Starlight.

OPINIONI
The Boys è una serie tv che, originariamente, non mi aveva convinto moltissimo: avevo visto il trailer poco prima della sua pubblicazione sulla piattaforma o subito dopo l’uscita e non ero rimasto eccessivamente convinto, in quanto mi sembrava eccessivamente splatter e violento.

Non avrei potuto sbagliarmi di più!

Lo splatter è presente comunque, così come la violenza, ma il discorso alla base della serie è talmente interessante da aver avuto, almeno su di me, l’effetto di farmi dimenticare tutto il resto.

TECNICAMENTE
Anche da questo punto di vista la serie è quasi perfetta: la caratterizzazione dei personaggi si appoggia sulla “distorsione” dei personaggi classici che qui appaiono molto più “cupi” e “maledetti”. Questo, a mio parere, risulterà ancora più evidente con l’arrivo di Disney+ che proporrà anche le serie tv sui personaggi Marvel classici, ma già così non è difficile cogliere similitudini e riferimenti!

CONCLUSIONI
Cinica e realistica, nei limiti del possibile, una riflessione intelligente su un fenomeno che, piaccia o meno, fa ormai parte della storia del cinema.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

GOOD OMENS RECENSIONE

Posted on 03 Ott 2019 in Televisione

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Good Omens
Nazione: UK/USA
Anno: 2019
Con; M.Sheen, D.Tennant

INTRODUZIONE
Nella storia del cinema e della televisione degli ultimi anni è capitato, qualche volta, di assistere a casi in cui personaggi o “entità” totalmente opposte fossero, in qualche modo, dovendo collaborare per sventare una minaccia molto più grande.

Anche questa volta non si fanno eccezioni e i personaggi in questione non potrebbero essere più diversi l’uno dall’altro.

TRAMA
Good Omens è una miniserie televisiva che racconta una storia molto bizzarra e particolare: a causa di una catena di eventi, avviata dallo scambio di alcuni bambini da parte di una confraternita di suore, il mondo rischia di finire!

Per scongiurare l’Apocalisse un angelo e un demone verranno inviati sulla Terra e costretti a collaborare, aiutati dai discendenti di una strega e di un cacciatore di streghe.

OPINIONI
Come avete già avuto modo di intuire da queste poche righe Good Omens è una miniserie televisiva che si basa sul concetto degli opposti, tanto per i protagonisti quanto per i personaggi secondari. Un tratto caratteristico della miniserie è l’assurdità, soprattutto per quanto riguarda il nome di uno dei personaggi: , reso nella traduzione italiana come Colui-che-non-commette-adulterio, contrapposto all’antenata del personaggio femminile, Agnes! Tornano, inoltre, temi classici cari a tanti scrittori di fantascienza e fantasy, come quello delle profezie che qui assumono un ruolo rilevante per la trama complessiva.

TECNICAMENTE
Dal punto di vista tecnico questa miniserie è realizzata veramente molto bene, con ottimi effetti e personaggi ben caratterizzati.

Ad impreziosire il tutto troviamo alcune piccole chicche che si mostrino come molti dei più importanti eventi della storia umana, fin dall’inizio dei tempi, siano, in realtà, opera dei due protagonisti.

CONCLUSIONI
Geniale e molto spiritosa, una buonissima produzione che lascia trasparire fin da subito la sua natura di trasposizione da una graphic-novel.

Disponibile su Prime Video.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

LO STREAMING DELLA “MELA”

Posted on 16 Set 2019 in Attualità, Tecnologia, Televisione

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le piattaforme streaming stanno diventando, gradualmente, una nuova realtà che acquisisce sempre maggiore importanza e una fetta di mercato sempre più ampia.

Pur non essendo esperti di finanza, quindi totalmente al di fuori delle “logiche di mercato” è infatti sotto gli occhi di tutti questa situazione, nella quale grandi società nel campo dell’intrattenimento stanno lanciando il proprio servizio streaming, in risposta all’imminente arrivo di Disney+, previsto, in America, per il 12 Novembre.

In uno  scenario simile, una sorta di  “guerra dello streaming” è ormai stata ufficializzata la notizia del lancio di Apple TV+, piattaforma streaming che verrà lanciata il 1°Novembre da Apple, società leader, finora, soprattutto nella produzione di un certo tipo di dispositivi e di sistemi operativi, come iPad, Ios, Mac, IPod e così via.

L’intenzione sembrerebbe essere quella di porsi in concorrenza con i principali servizi di streaming esistenti, come Netflix, Infinity e Amazon Prime Video.

Il catalogo di questo servizio streaming, almeno per il momento, non sembra particolarmente ricco, puntando, stavolta, esclusivamente su prodotti originali e mancando completamente produzioni “di terze parti”, provenienti, cioè, ad esempio, da canali televisivi a pagamento-.

Quello che potrebbe attirare il pubblico verso questo nuovo servizio è l’immediata disponibilità e il minor prezzo rispetto alla “concorrenza”.

Apple TV+ sarà, infatti, disponibile al lancio in più di cento Paesi, inclusa l’Italia, a soli € 4,99 al mese, leggermente meno del prezzo previsto, ad esempio, per Disney+.

Purtroppo circolano voci secondo cui sarà leggermente più difficile usufruire del servizio senza l’acquisto di un apposito dispositivo e non è ben chiaro se questo servizio streaming sarà compatibile con il PC o magari in esclusiva per i sistemi Apple.

Non ci resta che attendere circa due mesi per poter verificare personalmente la qualità e il funzionamento di questo servizio.

Pronti o no la “guerra” è aperta che vinca il migliore!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

TALES FROM THE TOUR BUS RECENSIONE

Posted on 16 Mag 2019 in Televisione

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Tales from the Tour Bus
Nazione: USA
Anno: 2017
Presentato da: M.Judge

INTRODUZIONE
La musica è un “linguaggio universale” e per alcuni una vera e propria passione: tuttavia non sempre si conoscono le vicissitudini alle base della vita e della carriera di un determinato artista.

Spesso, infatti, questi dettagli sono più conosciuti dai fan che dai semplici “spettatori occasionali”. Analizziamo nel dettaglio questa serie che cerca di “separare la verità dalle leggende”.

TRAMA
Tales from the Tour Bus è la nuova serie tv animata dal creatore dii King of the Hill: in ogni puntata, a metà tra ricostruzioni animate più o meno verosimili e documentario, l’autore stesso ci accoglie all’interno di un immaginario “tour bus”, raccontandoci, in maniera sintetica, la vita e la carriera di alcune tra le più grandi star della musica.

OPINIONI
Tales from the Tour Bus è una serie tv che sto seguendo proprio in questo periodo e che mi sta piacendo abbastanza.

Non la ritengo un capolavoro, sia chiaro, quanto, piuttosto una serie molto ben fatta: la prima stagione è espressamente incentrata sulla country music, ovvero su quel genere che potremmo definire di tipo “western”, mentre la seconda tratta la musica “funk”, che, probabilmente, potrebbe essere più facilmente definita dai veri e propri esperti di musica, ammesso che esistano.

TECNICAMENTE
La cosa più interessante di questa serie tv è la sua tecnica di realizzazione: i disegni sono molto simili, dal punto di vista della pura realizzazione, a quelli della serie precedente.

Ai disegni animati si accompagnano e si alternano filmati di repertorio dai concerti dell’artista in questione e testimonianze di chi l’ha conosciuto da vicino.

All’inizio di ogni puntata, poi, un disclaimer ci informa che non tutto quello che stiamo per sentire potrebbe essere avvenuto, a causa dello stile di vita “alternativo” in voga nel periodo esaminato.

CONCLUSIONI
Un modo originale e nuovo di avvicinare un certo tipo di musica al grande pubblico, magari troppo giovane per conoscere certi artisti.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

THE PUNISHER RECENSIONE

Posted on 26 Apr 2019 in Televisione

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: The Punisher
Nazione: USA
Anno: 2017
Con: J.Bernthal. A.R.Revah

INTRODUZIONE
Dalla Marvel ecco una nuova produzione, incentrata, questa volta, non tanto su un supereroe quanto su quello che viene definito comunemente “vigilante”

Vediamo nel dettaglio la storia, per spiegare la differenza tra queste due figure.

TRAMA
The Punisher è la serie tv più “normale” tra quelle prodotte dalla collaborazione Marvel-Netflix uscite nel corso degli ultimi anni.

Frank Castle è un ex-marine degli Stati Uniti che ha assistito impotente all’omicidio della propria famiglia, ad opera di un gruppo di uomini mascherati.

A partire da quel momento il suo obiettivo principale sarà quello di vendicarsi.

OPINIONI
A dire la verità la trama della serie tv e molto più complessa, tanto è vero che il desiderio di vendetta di Frank si esaurisce completamente nel corso della prima stagione.

Sono, attualmente, a metà circa della seconda e non si fa più parola di tutto questo, ora The Punisher sembra, piuttosto, incentrato su una sorta di vendetta personale, con componenti quasi thriller, soprattutto in riferimento a certe sequenze.

Non sono presenti riferimenti alle produzioni precedenti, ad eccezione della saltuaria comparsa di un personaggio.

TECNICAMENTE
Questa serie tv non spettacolarizza eccessivamente o almeno non grazie all’uso di effetti visivi; il comparto tecnico e in larga misura rappresentato dall’aspetto coreografico dei combattimenti e da una violenza che, in certi casi, forse, appare eccessiva.

La trama in generale è infatti tipica dei cosiddetti “revenge movie”, nei quali il protagonista cerca giustizia per conto suo, eliminando tutto e tutti quelli che si trovano sul proprio cammino.

Se dovessimo fare un parallelismo potremmo accostarlo probabilmente a personaggi come Batman, almeno dal punto di vista dell’assenza di poteri.

CONCLUSIONI
Una serie “da veri uomini” dura, cupa e violenta.

Sconsigliata alle persone facilmente impressionabili.

Un’altra “vittima” delle cancellazioni operate da Netflix, avvenuta, in questo caso, dopo la seconda stagione.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Read More

Navigando tra queste pagine, esprimi il tuo consenso all'utilizzo dei cookies. Maggiori Info

Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il nostro sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dei dati personali forniti dagli utenti stessi.

Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti.

Per maggiori informazioni sui cookies, visita questo sito.

Chiudi