• 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

EMOJI-ACCENDI LE EMOZIONI RECENSIONE
Vota

Titolo: Emoji-Accendi le Emozioni
Nazione: USA
Anno: 2017
Regia: T.Leondis
Con le Voci di: F.Russo, M.Passera

INTRODUZIONE
Il telefono portatile, ormai, è diventato una parte essenziale della nostra vita, o almeno così sembra. Gran parte di noi, infatti, passa innumerevoli ore della sua giornata “attaccato” a questo apparecchio, dentro il quale, a nostra insaputa, si nasconde un intero mondo!

STORIA
Emoji-Accendi le Emozioni è un film ambientato nell’immaginaria città di Messaggiopoli, dove vivono e “lavorano” le emoji, ovvero le “faccine” che alcuni di noi utilizzano nei propri messaggi per esprimere il proprio stato d’animo.

Geene è una giovane emoji al suo primo giorno di lavoro e tutto sembra andare per il meglio, finché le sue espressioni non iniziano a cambiare in maniera incontrollabile.

Il proprietario del telefono, a quel punto, decide di portare l’apparecchio in un centro di assistenza per la formattazione. A quel punto Geene, aiutato da alcuni amici, dovrà darsi da fare per evitare di venire “cancellato”.

OPINIONI
Emoji-Accendi le Emozioni è un film che, effettivamente, parte da un’idea molto banale: la trasposizione sul grande schermo di un mondo popolato esclusivamente da “simboli” utilizzati negli sms. Il trionfo della cultura pop, se si tiene conto che al suo interno si fa largo riferimento alle app più utilizzate, come YouTube, Spotify, Just Dance o Candy Crash.

Quando si guardano prodotti come questo non si dovrebbero avere pretese di profondità, anche se, personalmente, ho trovato un messaggio molto importante.

TECNICAMENTE
Trattandosi di un film animato non si può parlare propriamente di fotografia e di regia.

Possiamo, però, parlare di resa delle immagini e di colori, aspetti che, dal mio punto di vista, vengono resi molto bene.

La ricostruzione delle varie applicazioni dal punto di vista estetico, per quello che posso dire, è molto efficace.

CONCLUSIONI
Un film discreto, adatto sicuramente più ad un pubblico di giovani e giovanissimi che agli adulti.

Se riuscite a cogliere tutti i riferimenti potreste divertirvi molto.


  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares