• 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

FERDINAND RECENSIONE
5 (100%) 1 vote

Titolo: Ferdinand
Nazione: USA
Anno: 2017
Regia: C,Saldanha
Con le Voci di: F.DeFlaviis. C.Gioncardi

INTRODUZIONE
Dopo il Dia de los Muertos si torna in Spagna per esplorare un’altra antica tradizione, tanto spettacolare quanto crudele, la corrida.

Il protagonista di questa vicenda si trova “invischiato” in questo “balletto mortale” a causa di un equivoco. Vediamo meglio come.

STORIA
Ferdinand è un film che prende il titolo dal nome del protagonista della vicenda, un piccolo toro, amante dei fiori e della natura, tenero e sensibile.

Un giorno il nostro amico decide di recarsi al Festival dei Fiori che si tiene in una città vicina.

Lì, a causa di un incidente con un’ape, l’animale verrà catturato e inviato in un allevamento, nel quale verrà scelto come avversario dal famoso torero “El Primero” per la sua ultima corrida.

OPINIONI
Ferdinand è un film che mi ha colpito molto, sia per le tematiche trattate, sicuramente non facili da esporre in un prodotto animato per bambini e ragazzi, sia per alcune frasi pronunciate dai personaggi stessi e per quello che rappresentano.

C’è una frase, in particolare, che ho trovato raggelante: “I teneri non sopravvivono” o qualcosa di simile, pronunciata da Valiente, l’antagonista, che sembra voler dire che, per essere veri uomini, non si può e non si deve essere dolci, teneri e sensibili, un messaggio sbagliatissimo su un ideale di mascolinità distorta che, purtroppo, è veramente sostenuto da alcuni uomini.

TECNICAMENTE
Trattandosi di un film animato ci sono alcuni fattori particolari da tenere in considerazione: la regia è piuttosto buona e ormai, in alcuni casi, eguaglia quella delle pellicole con attori in carne ed ossa.

I colori sono bellissimi, molto brillanti nelle scene all’esterno ma si “stemperano” leggermente in alcuni punti, per sottolineare u passaggi più “drammatici”.

Contrariamente a quanto accade di solito, in Italia, si è deciso di lasciare il doppiaggio nelle mani di quelli che credo siano doppiatori professionisti.

CONCLUSIONI
Un film gradevole e ben realizzato, adatto a grandi e piccoli e con una morale forse non troppo scontata e facile da comprendere.


  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares