•  
  •  
  •  
  •  
  •  

HOTEL TRANSYLVANIA 3-UNA VACANZA MOSTRUOSA RECENSIONE
4 (80%) 1 vote[s]

Titolo: Hotel Transylvania 3-Una Vacanza Mostruosa
Nazione: USA
Anno: 2018
Regia: G.Tartakovsky
Con le voci di: C.Bisio, C.Capotondi

INTRODUZIONE
Gestire un albergo può essere tremendamente complicato e stressante!

Cosa c’è di meglio, allora, che partire con la propria famiglia e gli amici di sempre per una piccola crociera alla volta di Atlantide?

TRAMA
Hotel Transylvania 3-Una Vacanza Mostruosa è l’ultimo film che racconta le avventure del Conte Dracula.

Mavis, accortasi che il padre sembra un po’ stanco e nervoso, decide di fargli una sorpresa, prenotando un viaggio insieme a tutta la famiglia, con destinazione Atlentide.

Purtroppo un vecchio nemico del Conte cercherà di sfruttare l’occasione per mettere in atto il suo terribile piano, recuperare un misterioso manufatto che permetterebbe di distruggere tutti i mostri!

OPINIONI
Ho visto Hotel Transylvania 3-Una Vacanza Mostruosa proprio ieri, ogni tanto mi piace passare il pomeriggio a vedere qualche film!

Devo ammettere che, in questo caso, non si tratta di qualcosa di particolarmente originale, soprattutto per quello che riguarda il villain che, questa volta, a differenza dei due capitoli precedenti, è veramente presente.

Si può trovare, però, un certo messaggio di fondo, particolarmente importante.

TECNICAMENTE
Dal punto di vista tecnico ci troviamo davanti ad un film abbastanza ben fatto: la gestione dei colori e la composizione dei disegni mescolano in modo abbastanza riuscito l’atmosfera “dark” data dalla presenza dei mostri con il tema della crociera, più spensierato e leggero.

Abbiamo anche un certo richiamo alla “mitologia” del personaggio, attraverso la figura di Van Helsing, personaggio da sempre contrapposto a Dreacula, anche se ammetto di non sapere di preciso chi sia e se questo “legame” abbia radici letterarie o di altro tipo.

CONCLUSIONI
Un film che chiude perfettamente l’arco narrativo dei personaggi, insegnandoci che non sempre una persona è costretta ad “ereditare” le battaglie di chi l’ha preceduta.

Guardate e capirete meglio cosa intendo.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •