•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

IL MISTERO DELLA CASA DEL TEMPO RECENSIONE
4 (80%) 1 vote

Titolo: Il Mistero della Casa del Tempo
Nazione: USA
Anno: 2018
Regia: E.Roth
Con: J.Black, K.Blanchett

INTRODUZIONE
La magia, l’illusionismo e la prestidigitazione sono tre cose completamente diverse, anche se, solitamente, tendono ad essere raggruppate e confuse insieme.

Se e quando questi aspetti si uniscono veramente, come accade in questo caso, allora, lo spettacolo è assicurato!

STORIA
Il Mistero della Casa del Tempo è un film fantasy molto particolare che racconta l’incredibile storia di Jake, ragazzino rimasto orfano dopo un incidente.

Una sera, mentre si trova su un autobus, il nostro protagonista viene avvicinato da un uomo molto bizzarro, che afferma di essere suo zio e di volersi occupare di lui, sostenendo, inoltre, di essere uno stregone.

Le cose inizieranno a farsi sempre più strane da quel momento, dato che la casa di questo individuo si rivela piena di orologi e con uno di questi nascosto dietro una parete.

Tale congegno, secondo quanto affermato dal padrone di casa, rischierebbe, inoltre di cancellare l’intera esistenza.

OPINIONI
Il Mistero della Casa del Tempo è un film che mi ha “catturato” subito, fin dai primi trailer: la premessa di mescolare illusionismo e magia vera e propria è accattivante e si rivela, in effetti, efficace, per quanto la parentesi “illusionistica” venga presto ridotta ad un puro pretesto, lasciando posto all’aspetto più “soprannaturale” della vicenda.

TECNICAMENTE
Trattandosi di un film fantasy l’impiego di effetti visivi e grafica digitale è piuttosto massiccio, nonostante questo ci troviamo davanti ad un prodotto ben realizzato e tutto sommato “credibile”. Possiamo anche trovare, in un piccolo ruolo, il protagonista della popolare serie tv anni Novanta Twin Peaks, qui nei panni dell’antagonista.

CONCLUSIONI
Un ottimo prodotto fantasy che però, almeno dal mio punto di vista, ricorda, in un certo senso, per alcuni aspetti un po’ Miss Peregrine e un po’ Harry Potter.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •