•  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo:Kobane Calling
Autore: Zerocalcare
Editore: Bao Pubblishing
Anno; 2915

INTRODUZIONE
Le esperienze in territorio straniero con organizzazioni di volontariato possono essere un buon modo per “aprire la mente”, allargare u propri orizzonti ed entrare in contatto con culture diverse dalla propria.

La cosa difficile, però, è svolgere questo tipo di attività in zone di guerra o in situazioni di forte instabilità, come avviene in questo caso,

TRAMA
Kobane Calling è un libro che racconta la forte e difficile esperienza di Zero nel territorio di Kobane, nella zona del Curdistan. Inizialmente, com’è ovvio, il ragazzo dovrà convincere sua madre a lasciarlo partire, illustrandole la situazione, l’organizzazione del viaggio e fornendole tutte le informazioni del caso.

Il viaggio, ovviamente, sarà pieno di ostacoli, ma offrirà anche un prezioso spunto di riflessione.

OPINIONI
Sto leggendo Kobane Calling proprio in questi giorni e devo ammettere di essermi già fatto una mia idea: non  sapevo  dell’esistenza di Kobane, a quanto pare un territorio facente parte della zona sotto il controllo curdo, nel quale è ancora molto acceso un conflitto che implica anche l’ISIS.

Si tratta, indubbiamente, di un libro più profondo ed impegnato, rispetto ai lavori precedenti dell’autore. ma. anche in questo caso, non mancano i momenti comici.

SCRITTURA
Pur essendo un libro a fumetti quest’opera si sforza di mantenere un tono più serio, inserendo apposite sezioni di approfondimento che l’autore definisce banalmente “pipponi”, questo, ovviamente, viene fatto in modo scherzoso, per sdrammatizzare il tono generale. Ovviamente vengono mantenuti alcuni personaggi, come l’Armadillo. Il Cinghiale e Lady Cocca, che rappresenta l’apprensiva madre dell’autore, forse, in questo caso, leggermente disinformata e che rappresenta il lettore medio, non abituato ad informarsi a sufficienza e portato a credere a ciò che viene raccontato in tv.

CONCLUSIONI
Un libro che, nonostante l’apparente pesantezza e serietà, non disdegna parte delle trovate umoristiche tipiche dell’autore.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •