• 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares

LEGENDS OF TOMORROW RECENSIONE
5 (100%) 2 votes

Titolo: Legends of Tomorrow
Nazione: USA
Anno: 2016
Con: A.Darvill, C.Lotz

INTRODUZIONE
I viaggi nel tempo, i mondi e le realtà parallele sono tornati prepotentemente di moda negli ultimi anni, non solo nel genere fantascientifico classico, ma soprattutto per ciò che riguarda i fumetti e i racconti di supereroi, a partire da The Flash.

Vediamo un altro esempio di questo tipo, inserito in una sorta di “universo condiviso.

STORIA
Legends of Tomorrow è una serie tv targata DC, casa di produzione fumettistica da moltissimo tempo in competizione con la Marvel.

La storia inizia a Star City, nel lontano 2166, dopo aver perso la famiglia a causa di un crudele tiranno il Time Master Rip Hunter, contravvenendo agli ordini dei suoi superiori, viaggia indietro nel tempo fino al 2016 per reclutare una squadra che lo aiuti a “cambiare la storia”

OPINIONI
Ho finito di guardare la prima stagione di Legends of Tomorrow di recente e posso dire di averla trovata molto gradevole: la DC si è sempre differenziata dalla “concorrenza” per il tono molto più serio ed “oscuro” delle sue produzioni.

Questa scelta, però, almeno dal punto di vista cinematografico, non sta avendo grandissimo successo. Dal punto di vista televisivo, invece, almeno a giudicare da questa serie tv, direi che hanno capito come gestire correttamente la situazione.

Se applicassero questo approccio anche alle loro pellicole, forse, il pubblico le apprezzerebbe di più.

TECNICAMENTE
In questa serie tv vengono utilizzati parecchi effetti visivi che, a conti fatti, risultano spettacolari.

Una componente che può dare fastidio, invece, è quella dell’universo condiviso, che renderebbe necessario aver visto almeno un paio di serie precedenti, come The Flash e Arrow, dal momento che vengono citati personaggi che sono inseriti in tali contesti.

CONCLUSIONI
Un buonissimo tele-fumetto, che dimostra quanto la teoria dell’universo condiviso sia valida e possa funzionare se applicata ad un medium decisamente più “piccolo”.


  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    6
    Shares