•  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Macerie Prime
Autore: Zerocalcare
Editore: BAO Pubblidhing
Anno: 2017

INTRODUZIONE
Nuova opera del fumettista romano Zerocalcare che, come al solito, infonde parte di sé nei suoi lavori, raccontando esperienze autobiografiche con tutta l’ironia tipica di quasi tutti i suoi prodotti precedenti.

Questa volta. Però, abbiamo anche una particolarità in più, vediamola meglio nel dettaglio.

TRAMA
Macerie Prime è un libro che racconta la storia di Zero, alter-ego dell’autore, alle prese con le mille difficoltà del lavoro del fumettista. Quando, per una presentazione, il ragazzo si troverà costretto a violare uno dei suoi “principi” la situazione si complicherà notevolmente, costringendolo addirittura, ad interrompere i rapporti con gli amici per circa sei mesi, quando il gruppo si riunirà per festeggiare un lieto evento.

OPINIONI
Macerie Prime è il primo libro di Zerocalcare diviso in due parti: la trama riassunta poco fa, infatti, si riferisce principalmente alla prima parte, che si apre con il matrimonio di Cinghiale, proiezione di un amico dell’autore.

In parte posso capire e riuscire ad immedesimarmi con  ciò che viene raccontato: è difficile rendersi conto che “la vita va avanti” e “che tu sei rimasto indietro”.

È capitato molto spesso anche a me di incontrare un mio amico o un mio ex-compagno di scuola con moglie e figlio, che impressione!

SCRITTURA
Si tratta come sempre di un libro a fumetti, quindi la struttura è quella classica a vignette e strisce, organizzate in “tavole”.

Non mi è chiaro cosa rappresentino le “pagine nere”, inserite in ogni opera dell’autore ma che, in questo caso, sembrano raccontare una storia a parte, completamente scollegata dal resto, probabilmente si tratta di qualcosa di simbolico.

Vengono introdotti anche nuovi personaggi, come il panda che potrebbe rappresentare il lato serio e maturo della coscienza dell’autore.

CONCLUSIONI
Un lavoro molto particolare, come tutti quelli di questo autore, molto meno citazionista ma ugualmente godibile.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •