•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

NATALE COL BOSS RECENSIONE
5 (100%) 1 vote

Titolo: Natale col Boss
Nazione: Italia
Anno: 2015
Regia: W.De Biasi
Con: C.Gregori, P.Petrolo

INTRODUZIONE
Le commedie degli equivoci non sono un genere nuovo nel nostro Paese, se, però. l’equivoco è dovuto ad uno scambio di persona provocato da fattori esterni e non da un’effettiva somiglianza fisica alla nascita il risultato può essere esilarante.

Vediamo di chiarire meglio il concetto, spiegando a grandi linee la trama.

STORIA
Natale col Boss è un film che racconta la storia dur chirurghi plastici che un giorno vengono ingaggiati per un lavoro molto particolare, la classica “offerta che non possono rifiutare”: cambiare il volto di un boss mafioso.

A causa di un errore, però, l’uomo finisce per somigliare al noto cantante italiano Peppino Di Capri, acquisendo anche una certa fama, oltre a quella derivata dal fatto di essere un temuto e rispettato boss della malavita.

OPINIONI
Natale col Boss è un film che esce leggermente dai canoni della solita commedia, pur proponedo uno schema piuttosto classico, quello della commedia degli equivoci e dello scambio di persona tra individui perfettamente identici.

L’iserimento nel cast di Peppino Di Capri è abbastanza piacevole, anche se appare, più che altro, una scusa per inserire sequenze in cui vengono riproposti i brani più celebri del cantante, in particolare Champagne che è, forse, uno dei brani più conosciuti e apparentemente più apprezzati.

TECNICAMENTE
Dal punto di vista tecnico il film non presenta particolari novità: la fotografia risulta nolto luminosa, come in tutti i film di questo genere e la regia si dimostra di buon livello.

Se devo trovare un difetto è sicuramente la canzone dei titoli di coda, una versione rap di Champagne, un modo per attualizzare un grande classico della canzone italiana “distruggendolo”, con l’inserimento di un genere che, a parer mio, poco si adatta a brani di questo tipo.

CONCLUSIONI
Un film sicuramente molto carino, amche se basato su uno schema che può apparire un po’ “vecchio” ed abusato.

Una commedia, comunque, sicuramente molto diversa rispetto a tutte quelle a cui ci hanno abituato negli ultimi anni.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •