• 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

OFFLINE- LA VITA NON È UN VIDEOGIOCO RECENSIONE
5 (100%) 1 vote

 

Titolo: Offline-La Vita non è un Videogioco
Nazione: Germania
Anno: 2016
Regia: F.Schnell
Con: M.Jahn, M.Emde

INTRODUZIONE
I GDR o giochi di ruolo sono un genere videoludico molto popolare, con una comunità molto forte, soprattutto in certi Paesi.

Alcuni giocatori di questo particolare genere sono molto “fissati” e farebbero qualunque cosa pur di coltivare la loro passione, come in questo caso.

STORIA
Offline-La vita non è un videogioco è un film che racconta la storia di Jan, appassionato di videogiochi di ruolo che, poco prima di un importante torneo, si trova escluso dal mondo virtuale.

Il ragazzo, aiutato da una nuova amica, dovrà fare il possibile per recuperare la propria “identità virtuale” prima dell’inizio del torneo.

OPINIONI
Offline-La vita non è un videogioco è un film che ho apprezzato molto, pur non essendo appassionato di questo tipo di giochi.

La reazione del protagonista sia un po’ esagerata: ci troviamo in un contesto occidentale, dopotutto e la passione smodata e fuori controllo per questi mondi è più tipica di contesti orientali, almeno a quanto si dice!

TECNICAMENTE
Il film si basa su un mondo videoludico e questo si nota moltissimo anche nell’aspetto tecnico.

A volte, infatti, le inquadrature acquisiscono un aspetto decisamente “videogiocoso” e le transizioni di location sono segnalate con la tipica grafica che, solitamente, è riservata ai videogiochi, in particolare quando vengono sbloccate nuove aree e nuove missioni nella mappa.

In una scena, poi, l’inquadratura diventa quella tipica delle avventure grafiche, con il classico sistema “usa oggetto con elemento dello scenario” e questi sono gli elementi che potrebbero fare maggiormente piacere allo spettatore.

CONCLUSIONI
Appassionante, sfizioso ed estremamente particolare.

Una pellicola che mi ha fatto venire una gran voglia di assistere ad un torneo di videogiochi, spettacolo che, in Italia, credo sia quasi del tutto assente.

Penso che gli amanti dei GDR potrebbero apprezzarlo in modo particolare e identificarsi maggiormente con il personaggio.


  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares