•  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Pretty Little Liars-The Perfectionists

Nazione: USA

Anno: 2019

Con: S.Pieterse, E.Brown

INTRODUZIONE

Le vite perfette dei giovani ricchi ragazzi americani possono essere fonte di enormi pressioni per questi ultimi.

Se aggiungiamo a questa tematica, forse fin troppo abusata un tocco mystery/giallo otteniamo un prodotto forse non innovativo ma interessante.

TRAMA

Pretty Little Liars-The Perfectionists è la seconda serie tv tratta da questo “franchise”, collegata all’universo narrativo della serie principale, come avviene per tutti gli spinoff.

Qualche anno dopo gli eventi di Rosewood Alison DeLaurentis è diventata una docente molto apprezzata in una prestigiosa università.

La tranquillità del campus viene, improvvisamente, turbata dalla misteriosa morte del rampollo di una delle famiglie più ricche e potenti della zona.

Ovviamente i primi sospettati sono quattro ragazzi, legati alla vittima o ricattati da questa, a conoscenza di alcuni dei loro segreti più oscuri.

OPINIONI

Sono quasi arrivato alla fine della prima e credo unica stagione di Pretty Little Liars-The Perfectionists e devo ammettere che avrei voluto qualcosa in più o di diverso: apprezzo molto le serie tv  alla Agatha Christie, con un delitto e pochi personaggi tra cui potrebbe nascondersi il colpevole, ma, in questo caso, si vede fin troppo il rapporto stretto tra questa e la serie originale.

Non voglio anticipare oltre, ma se le guardate entrambe potreste cogliere qualche elemento in comune, inclusi veri e propri riferimenti a Rosewood e ad A.

Chi ha visto la serie principale capirà a cosa mi riferisco!

TECNICAMENTE

Essendo una serie tv l’aspetto tecnico passa quasi in secondo piano rispetto alla storia, che acquisisce sempre maggior fascino con il procedere della trama.

Più che altro interessa risolvere il mistero e scoprire chi e oerché, anche se quest’ultima risposta risulta ovvia fin da subito

CONCLUSIONI

Uno spinoff che prende in prestito un genere molto diffuso e trattato in pasato, riadattandolo ad un contesto più adolescenziale.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •