•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

RIVERDALE RECENSIONE
4 (80%) 1 vote

Titolo: Riverdale
Nazione: USA
Anno: 2017
Con: L,Perry, C.Sprouse

INTRODUZIONE
La letteratura e l’intrattenimento in generale sono pieni di storie ambientate in luoghi apparentemente perfetti che, in realtà, nascondono storie “oscure”.

Del resto, spesso, è qui e in questi individui che si celano i segreti più osciri, anche in questo caso, quindi, tale preziosissima regola è ampiamente rispettata.

STORIA
Riverdale è una serie tv che prende il nome direttamente dal luogo in cui si svolge la vicenda, una cittadina molto tranquilla, ma solo in apparenza.

L’intera storia ruota intorno al ritrovamento del corpo di un ragazzo, Jason Blossom, scomparso misteriosamente il quattro luglio.

Sul caso, ovviamente, indagherà la polizia locale e la vicenda porterà alla luce alcuni sconvolgenti particolari, legati alla vita di alcune tra le famiglie più rispettabili.

OPINIONI
Come avete avuto già modo di capire una delle parole d’ordine di Riverdale è “segreto”, questa serie tv, infatti, è la classica produzione che mira a mostrarci che nessuno è perfetto e che anche le persone, apparentemente, più degne di fiducia, in realtà possono essere quelle con più scheletri nell’armadio. Peccato che la dinamica sia, finora, fin troppo simile a quella di un’altra produzione che avevo già visto tempo fa, Pretty Little Liars.

TECNICAMENTE
Esteticamente, invece, Riverdale si presenta come una serie tv ben realizzata, ma estremamente particolare: la fotografia predilige colori dalle tinte molto tenui che, qualche volta, sono nettamente in contrasto con quello che sembra essere un tratto caratteristico di una delle famiglie protagoniste, i Blossom.

Tre componenti di questo nucleo, infatti, presentano una caratteristica fisica peculiare, i capelli rossi, che, in alcune scene, assumono una colorazione particolarmente intensa.

Alcuni interpreti, poi, sono volti già noti, in particolare della televisione degli anni Novanta o primi Duemila e questo non può fare altro che piacere.

CONCLUSIONI
Una serie con una storia non particolarmente originale, ma con alcuni tratti estetici molto particolari che, magari, potrebbero suggerire un’atmosfera leggermente “gotica”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •