•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

SAUSAGE PARTY RECENSIONE
4 (80%) 1 vote

Titolo: Sausage Party
Nazione: USA
Anno: 2016
Regia: G.Tiernan, C.Vernon
Con le Voci di: S.Mori, R.Acerbo

INTRODUZIONE
I falsi miti e le credenze popolari, talvolta, sono terribili, perché frutto della manipolazione delle masse da parte di poteri e di autorità forti, che manipolano le masse.

A volte, però, queste possono essere utili per nascondere una terribile verità, troppo difficile da sopportare, come in questo caso.

STORIA
Sausage Party è un film animato, che vede protagonista Frank, una salsiccia che “vive” in un supermercato.

I suoi amici sono nella costante attesa di recarsi in un luogo chiamato Il Grande Oltre, trasportati dagli esseri umani, che tutti loro considerano dei.

Grazie ad un’antica tribù Frank e i suoi amici scopriranno la terribile verità che si cela dietro a questa leggenda.

OPINIONI
Sausage Party è un film che mi è piaciuto molto, per un motivo semplicissimo: mangiare è una delle attività indispensabili per la nostra sopravvivenza, come tutti sapete, questa pellicola, però, ci mette nei panni di ciò che noi mangiamo, ma che, fondamentalmente, ne è totalmente ignaro.

Per fare un esempio: un pomodoro è contento di essere acquistato da un essere umano, ma non sa che, una volta arrivato nella sua nuova casa, verrà spellato e buttato in pentola, per diventare sugo.

In questo caso, insomma, lo spettatore osserva la vicenda dal punto di vista del cibo!

TECNICAMENTE
Dal punto di vista strettamente tecnico possiamo osservare qualcosa di molto particolare in questo film: le scene ambientate nel supermercato sono molto colorate e luminose, per poi diventare molto cupe e assumere quasi una tinta horror quando il cibo viene buttato in pentola.

Il fatto che i personaggi siano animati rende il tutto ancora più atroce e “splatter”.

CONCLUSIONI
Un film particolarissimo, che, oltre ad una certa dose di “violenza”, non disdegna battute volgari e doppi sensi a carattere sessuale.

Proprio per quest’ultimo motivo se ne consiglia la visione ad un pubblico adulto.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •