•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

SON OF ZORN RECENSIONE
4.5 (90%) 2 votes

Titolo: Son of Zorn

Nazione: USA

Anno: 2016

Con: C.Hynes, T.Headows

INTRODUZIONE

I cartoni animati e i programmi cosiddetti “in live action”, cioè con attori in carne ed ossa, teoricamente, sarebbero generi totalmente opposti.

Tuttavia già in passato, almeno cinematograficamente, è capitato che questi due generi si incontrassero, anche se con risultati non proprio entusiasmanti.

Questo è uno di quei casi.

STORIA

La trama di Son of Zorn è molto particolare, si tratta, infatti, di una serie tv basata sulla storia di Zorn, guerriero barbaro che, dopo dieci anni, decide di recarsi in California per andare a trovare il figlio e l’ex-moglie che, ormai, vive con un altro uomo.

La vita per lui non sarà facile, essendo costretto ad adattarsi alle regole e al modo di vivere nel nostro mondo.

OPINIONI

Son of Zorn, teoricamente, è la classica serie tv indirizzata principalmente ad un pubblico adulto, il suo tratto peculiare, tuttavia, non è tanto questo quanto il fatto di rappresentare un ibrido tra cartoon e live-action.

Quello che rende unica e surreale questa serie tv, infatti, è la natura del personaggio protagonista, una sorta di clone di He-Man dai capelli rossi.

Se vogliamo essere precisi e pignoli c’è poi da chiedersi come abbia fatto una donna in carne ed ossa ad avere un figlio da un cartone animato, ma questo fa parte dell’implicito patto narrativo tra creatore dello show e spettatore, quindi suppongo che non dovremmo farci troppe domande.

TECNICAMENTE

Essendo questa una serie tv che mescola due stili totalmente opposti, ovviamente, il distacco tra le parti animate e quelle nel mondo reale è ben visibile.

A mio giudizio, comunque, tale aspetto non è eccessivamente fastidioso, anche se c’è da chiedersi se alcuni personaggi si rendano effettivamente conto di trovarsi davanti ad un cartone animato, in quanto le loro reazioni non sono, almeno per ora, molto credibili.

CONCLUSIONI

Divertente e originale, un esperimento interessante, mai tentato prima in ambito televisivo.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •