•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A SPASSO CON BOB RECENSIONE
4 (80%) 1 vote

Titolo: A spasso con Bob
Nazione: UK
Anno: 2016
Regia: R.Spottiswoode
Con: L.Treadaway, R.Gedmintas

INTRODUZIONE
L’amicizia è uno dei temi portanti di molte opere televisive, teatrali, letterarie o cinematografiche.

Come sostiene qualcuno, inoltre, non c’è nulla di più puro e speciale di quella tra un uomo e un animale.

Vediamo come viene trattato tale tema molto particolare in questa pellicola.

STORIA
A spasso con Bob è un film inglese che racconta la storia di James, giovane artista di strada, tossicodipendente ma inserito in un programma di recupero e presumibilmente in via di guarigione.

Il ragazzo cambierà radicalmente la sua vita grazie all’incontro con Betty, ragazza molto originale, che ha subito, in passato, un grave lutto e con Bob, un gatto randagio rosso in cerca di una casa.

I due diventeranno inseparabili e la loro amicizia li aiuterà ad affrontare le difficoltà della vita.

OPINIONI
A spasso con Bob è un film tratto da un libro che racconta la storia vera dell’incontro del protagonista con il suo “amico a quattro zampe”.

La pellicola è molto carina, anche se, forse, non particolarmente originale: le storie di amicizia tra uomini e animali o tra animali sono tipiche, infatti, di un certo filone di letteratura e cinema per bambini e ragazzi, oltre a ricordare da vicino alcuni classici Disney dei tempi d’oro, come “Red e Toby-Nemiciamici”, “Bianca e Bernie” e molti altri.

TECNICAMENTE
Il film vive di momenti in bilico tra dramma e commedia, che si riflettono, logicamente, anche sul piano tecnico: in alcuni momenti, infatti, la fotografia si fa cupa per simboleggiare lo squallore e il degrado delle condizioni di vita del protagonista, per diventare, poi, improvvisamente luminosa nei momenti più leggeri e spensierati.

CONCLUSIONI
Leggero e divertente, ma anche toccante e commovente.

Una pellicola che mostra come, con l’aiuto di un amico, si possa uscire anche dalle situazioni più “nere” e disperate.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •