•  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Titolo: Spider-Man: Homecoming
Nazione: USA
Anno: 2017
Regia: J.Watts
Con: T.Holland, M.Tomei

INTRODUZIONE
Nel vasto e complesso universo cinematografico Marvel non poteva certo mancare L’Uomo Ragno, uno dei personaggi più amati dei fumetti, mai ufficialmente inserito, finora, in questo complesso mosaico.

Vediamo come è stata ideata e gestita questa nuova trasposizione.

STORIA
Spider-Man: Homecoming è un film che racconta la storia di Peter, ragazzo alle prese con i normalissimi problemi di un adolescente ma con una “marcia in più”.

Dopo la morte dei genitori e dello zio Peter rimane solo con la zia, ma il suo problema più grosso ora è quello di farsi notare dal magnate milionario Tony Stark ed entrare a far parte del gruppo degli Avengers.

Solo superando mille difficoltà il nostro giovane protagonista otterrà questa preziosa opportunità, rinunciandoci, però, probabilmente per stare accanto alla donna che lo ha cresciuto per tanti anni.

OPINIONI
Volevo vedere Spider-Man: Homecoming da molto tempo e finalmente ne ho avuto la possibilità qualche giorno fa.

Ora, con questo film, l’Uomo Ragno entra ufficialmente a far parte dell’universo cinematografico Marvel e ciò non può fare altro che rendermi felice.

Nonostante qualcuno possa pensare che i cinecomics inizino a stufare io li apprezzo molto, ogni nuova pellicola Marvel che esce mi gasa moltissimo e questa in particolare, dato il colpo di scena che si verifica negli ultimissimi secondi, prima dei titoli di coda.

TECNICAMENTE
Come ogni film Marvel che si rispetti la pellicola è molto divertente e colorata.

Le battute che caratterizzano queste produzioni, stavolta, sono perfettamente contestualizzate, data la giovane età del protagonista che nel film afferma, appunto, di avere solo quindici anni, risultando perfettamente credibile, a differenza di tanti altri protagonisti di teen-drama anni Novanta.

CONCLUSIONI
Un prodotto molto gradevole, leggero, fresco e divertente, ideale per queste caldissime giornate estive.

Sfortunatamente, se non avete avuto l’occasione di vederlo, credo che dovrete aspettare l’uscita in DVD.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •