•  
  •  
  •  
  •  
  •  

STAND BY ME-ROCORDO DI UN’ESTATE RECENSIONE
5 (100%) 1 vote[s]

Titolo: Stand by Me-Ricordo di en’estate

Nazione: USA

Anno: 1986

Regia: R.Reiner

Con: R.Phoenix, C.Feldman

INTRODUZIONE

L’estate è una stagione fantastica: la scuola è finita, si può stare fuori fino a tardi, ridere, scherzare e divertirsi con i propri amici.

In alcuni casi, però, questa può assumere anche fortissime tinte malinconiche, come accade in questo caso.

 

STORIA

Stand by Me-Ricordo di un’estate è un film che racconta l’avventura estiva di un gruppo di amici che, saputo della morte di un ragazzo, a causa di un grave incidente, decidono di andare a cercarne il corpo, spinti da una curiosità particolare.

Questo viaggio sarà l’occasione per consolidare ulteriormente i rapporti all’interno del gruppo e per vivere un’ultima esperienza insieme prima di dividersi per sempre.

OPINIONI

Apprezzo molto Stand by Me-Ricordo di un’estate, è uno dei miei film preferiti e pur essendo consapevole che non si tratti esattamente dell’ultima pellicola uscita in sala devo dire che conserva un fascino tutto particolare.

La storia è intrisa di una forte malinconia di fondo, al punto tale che, se anche alcune scene sono in grado di strappare un sorriso, alla fine della visione subentra una certa amarezza, aiutata anche da una frase pronunciata dal protagonista subito prima dei titoli di coda.

TECNICAMENTE

Dal punto di vista del comparto tecnico il film regge perfettamente, nonostante siano trascorsi, ormai quasi trenta anni.

La regia è fantastica e la fotografia restituisce perfettamente l’atmosfera luminosa e spensierata tipica delle giornate estive. Anche le interpretazioni sono di discreto livello, nonostante il cast sia composto, per la maggior parte da ragazzini, alcuni dei quali noti ancora oggi al grande pubblico come affermati attori, mentre altri, purtroppo sono scomparsi prematuramente.

CONCLUSIONI

Una pellicola fantastica, avventurosa, commovente, nostalgica, capace di emozionare e far riflettere ancora oggi. Se non l’avete mai visto consiglio di recuperarlo, ne vale la pena!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •