•  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: The Darkest Echoes

Nazione; Italia

Anno: 2019

Con: M.Ferrari, M.Pozzoli

INTRODUZIONE

YouTube e le piattaforme streaming video in generale sono un terreno fertile perfetto per nuove “sperimentazioni narrative”.

Un esempio di questo tipo possono essere le “serie” basate su campagne di giochi di ruolo, some questa.

TRAMA

The Darkest Echoes è una serie basata su una campagna GDR legata all’universo narrativo di Star Wars, i cui protagonisti sono quattro personaggi molto diversi tra loro, uniti in un gruppo improbabile, ma ognuno con un proprio obiettivo da raggiungere. Con il passare dal tempo il rapporto tra i quattro evolverà gradualmente, fino a raggiungere un epico e commovente finale.

OPINIONI

Non avevo mai visto una campagna GDR trasposta come una webserie e The Darkest Echoes ha rappresentato, per me, una “prima volta”.

In quel periodo, poi, ho avuto la possibilità di incontrare personalmente uno dei protagonisti e di condividere con lui una mia impressione sulla svolta narrativa verificatasi nell’ultimo episodio allora disponibile.

Da notare, inoltre, che, confrontando le date di pubblicazione degli episodi si può notare la concomitanza con l’uscita dell’ultimo episodio della nuova trilogia cinematografica.

Interessante, no?

TECNICAMENTE

Non sono a conoscenza perfettamente del metodo impiegato per trasmettere questa campagna GDR in formato video, ma, da quello che ho capito, il “master” si è “specializzato” in questo tipo di produzioni, facendone il prodotto di punta del suo canale. Ovviamente il sistema di gioco non è perfetto e nel corso della serie i partecipanti si trovano, qualche volta, ad affrontare qualche problema, ma suppongo che questo sia all’ordine del giorno, non tanto o non solo per ciò che riguarda il gioco in sé, quanto per la sua trasmissione in streaming.

CONCLUSIONI

Una serie realizzata in modo molto particolare, legata ad un universo narrativo che, qui, trova maggior “giustizia” rispetto all’ultimo capitolo della saga cinematografica.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •