•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

THE LOBSTER RECENSIONE
4.7 (93.33%) 3 votes

Titolo: The Lobster

Nazione: Grecia/UK/Irlanda/Paesi   Bassi/Francia

Anno: 2015

Regia: Y.Lanthimos

Con: C.Farrell, R.Weiss

INTRODUZIONE

Alcuni di noi sono ossessionati dalla ricerca dell’anima gemella o del vero amore, mentre altri preferiscono stare da soli.

In questo caso, però, quest’ultima opzione non è contemplata, le conseguenze potrebbero essere tanto stravaganti quanto terribili!

STORIA

The Lobster è un film fantascientifico distopico, ambientato in un  futuro in cui essere single è severamente proibito; le persone, per un motivo ignoto, hanno solamente quarantacinque giorni di tempo per trovare un compagno o una compagna con cui “accoppiarsi” o verranno trasformati in animali.

Il protagonista della storia vivrà una surreale avventura che avrà inizio in una sorta di hotel, ideato appositamente per questi incontri.

La vicenda avrà un epilogo molto amaro e l’intera vicenda è narrata in prima persona, dal punto di vista di una “sopravvissuta” che vive nel bosco e che entrerà in scena solo verso metà pellicola.

OPINIONI

Avevo sentito parlare di The Lobster qualche mese fa, a proposito delle candidature agli Oscar e devo ammettere di essere rimasto molto perplesso: il film non fornisce assolutamente nessuna informazione di contesto, lasciando lo spettatore completamente spiazzato.

Non viene spiegato, ad esempio, perché è così importante trovare un compagno o una compagna e nemmeno in che futuro ci troviamo.

I riferimenti temporali non sono, forse, così importanti, ma qualche spiegazione in più avrebbe fornito un quadro maggiormente dettagliato, certe cose non sono trascurabili!

TECNICAMENTE

Dal punto di vista tecnico il film non perde molto: la regia è ottima, non troppo frenetica durante la fuga e l’inseguimento, la fotografia è abbastanza cupa e angosciante.

Peccato per i sopracitati buchi di trama che avrebbero potuto essere sistemati con qualche spiegazione ulteriore.

CONCLUSIONI

Crudo, potente, angosciante, un film che, sicuramente, non è adatto agli spettatori più giovani, in quanto abbastanza violento, soprattutto in certe scene.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •