•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

UN’OCCASIONE DA DIO RECENSIONE
5 (100%) 1 vote

Titolo: Un’Occasione da Dio
Nazione: UK
Anno: 2015
Regia: T.Jones
Con: S.Pegg, K.Beckinsale

INTRODUZIONE
Cosa fareste se aveste il potere di fare qualunque cosa?

Sicuramente qualcuno di noi ne approfitterebbe per sistemare alcune cose, il problema è che, spesso, il potere “da alla testa” e si finisce col volere più di quanto sarebbe umanamente normale, come avviene in questo caso.

STORIA
Un’Occasione da Dio è un film che mescola due tematiche e due domande apparentemente inconciliabili.

La storia è quella di Neil Clarke, semplice insegnante che, improvvisamente, ottiene il potere di fare qualunque cosa desideri, questo perché una civiltà aliena, contattata da una sonda, spedita nello spazio anni prima, ha deciso di dotare un terrestre di queste straordinarie facoltà per “testare” l’umanità e decidere così se ammetterla nella Comunità Galattica o distruggerla.

Ovviamente la vicenda assumerà proporzioni enormi, fino al lieto fine.

OPINIONI
Un’Occasione da Dio è un film che, in un certo senso, unisce due delle domande più comuni che l’umanità si pone da sempre: siamo soli nell’Universo? Cosa farei se potessi fare tutto ciò che voglio? Ovviamente la risposta alla prima domanda è ancora incerta, mentre, per quanto riguarda la seconda, è soggettiva.

C’è chi si comporterebbe come il personaggio della storia e chi, magari, penserebbe un po’ a sé stesso e un po’ alle sorti del pianeta o alla pace nel mondo.

Dipende dalle motivazioni di ciascuno e da quanto il nostro egoismo prevalga su ciò che è veramente importante.

TECNICAMENTE
Il film mi è parso molto ben gestito, anche dal punto di vista tecnico, storia interessante e ben gestita, personaggi caratterizzati e una buona struttura in generale.

L’uso della Computer Grafica, forse, si limitava alle poche scene nell’astronave aliena, quindi non risultava per niente invasiva.

CONCLUSIONI
Un buon film, divertente ma insospettabilmente profondo, che invita a riflettere su quanto alcune persone preferiscano occuparsi più di banalità che di problemi veramente importanti.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •