•  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Titolo: Watchmen
Nazione: USA
Anno: 2009
Regia: Z.Snyder
Con: M.Ackerman, B.Crudup

INTRODUZIONE
Tra i primi esperimenti di cinecomic, questa pellicola ci propone una realtà alternativa, in cui l’impossibile e lo straordinario si integrano con la vita di tutti i giorni, riscrivendo alcuni dei più importanti eventi storici.

Chiariamo meglio questi punti, esaminando l’insieme nel dettaglio.

STORIA
Watchmen è uno dei più conosciuti film tratti da graphic novel, una sorta di racconti a vignette simili ai fumetti.

La storia è ambientata in una versione alternativa del 1985, nella quale i supereroi sono perfettamente integrati nel tessuto sociale e hanno aiutato l’umanità a superare alcune fasi particolarmente difficili e dolorose della sua storia, come la guerra del Vietnam.

Una sera uno di questi individui, soprannominato il Comico viene ucciso e la squadra si trova costretta a riunirsi per tentare di far luce sull’accaduto.

OPINIONI
Come accennavo poco sopra Watchmen è, forse, una delle trasposizioni cinematografiche più conosciute delle cosiddette graphic novel.

Non essendo un esperto non conosco la differenza tra questo particolare genere letterario e i comuni fumetti, quello che posso dire per certo è che ho trovato questo film molto interessante, anche perché si tratta di uno di quei casi in cui una pellicola viene universalmente ritenuta un capolavoro, soprattutto dagli appassionati e dai lettori dell’opera originale.

Personalmente non sono in grado di sbilanciarmi in tal senso, dal momento che, fino a qualche tempo fa, non conoscevo nemmeno l’opera in questione.

TECNICAMENTE
Il film ha un ottimo lato tecnico, con effetti visivi spettacolari che mi hanno lasciato piacevolmente colpito.

Anche le musiche danno la giusta atmosfera e rappresentano un buon commento.

CONCLUSIONI
Una pellicola conosciuta ed apprezzata da molti da quasi un decennio e che ho scoperto solo di recente.

Alcune persone vengono incuriosite da certe cose e le scoprono più tardi rispetto ad altre, non c’è nulla di male in questo!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •