•  
  •  
  •  
  •  
  •  

Titolo: Kick-Ass
Nazione: USA
Anno: 2010
Regia: M.Vaughn
Con: A.T.Johnson, C.G.Moretz

INTRODUZIONE
Prima dell’arrivo dei cinefumetti veri e propri, prodotti, come tutti sappiamo, dalla Marvel, qualcuno aveva già tentato questa strada.

La parodia, in particolare, è uno dei generi comici più diffusi e in questo caso i due generi si mescolano, dando vita a qualcosa di completamente nuovo, mai tentato fino a quel momento.

STORIA
Kick-Ass è un film che parte da un’idea forse non particolarmente originale, almeno al giorno d’oggi, ma, forse, relativamente innovativa all’epoca della sua uscita, ormai sette anni fa.

Dave è un ragazzo che vive da solo con il padre in una città controllata da una potente organizzazione mafiosa.

In questo contesto estremamente particolare nascerà un nuovo supereroe che tenterà di riportare la giustizia!

OPINIONI
Avevo già sentito parlare di Kick-Ass, ma non l’avevo mai visto: devo dire che si tratta di un film molto particolare, non solo per la tematica trattata che, magari, quando la pellicola uscì nelle sale non era ancora così diffusa, ma piuttosto per lo stile che viene scelto per farlo, molto più vicino ai prodotti di case cinematografiche come la Marvel.

Se c’è una cosa che salta subito all’occhio, infatti, è che la pellicola non si prende molto sul serio, se non per nulla, come, d’altronde, è giusto che faccia un prodotto tratto da un fumetto, nonostante alcune “derive” odierne, molto più “dark”.

TECNICAMENTE
Da quanto appena detto emerge chiaramente che lo stile del comparto tecnico di questo film è molto leggero: la regia è estremamente dinamica, pur non risultando confusionaria e la fotografia è luminosissima.

I costumi dei personaggi sono molto ben realizzati e spiccano particolarmente, grazie a colori abbastanza accesi e brillanti.

CONCLUSIONI
Ironico, irriverente, citazionista ed estremamente divertente, la parodia perfetta di un genere che, ora, va tanto di moda.

Piccola avvertenza sul linguaggio utilizzato e su alcune immagini, leggermente volgari, che non rendono questa pellicola molto fruibile ai minori.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •