•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

LA STRANIERA RECENSIONE
Vota

Titolo: La Straniere

Autore: D.Gabaldon

Anno: 2003

Editore: Corbaccio

INTRODUZIONE

I vaiggi nel tempo hanno sempre fatto parte di una sorta di “culture”, generalmente di tipo fantascientifico.

A volte, però, si può tentare di introdurli per creare un contesto di tipo “storico” o pseudo tale, con elementi di tipo fantasy.

Vediamo meglio di cosa si tratta.

STORIA

La Straniera è un libro che rappresenta il primo capitolo di una serie fantasy.

La storia è quella della giovane Claire Bitcham, infermiera sui campi di battaglia durante la guerra.

La donna, partita per un viaggio insieme al marito Frank nella cittadina di Inverness decude di esplorare un antico cerchio di pietre noto agli abitanti del luogo con il nome di Craig Na Dun.

Toccando una delle pietre del cerchio la donna di trova improvvisamente catapultata indietro nel tempo di circa duecento anni e dovrà cercare di trovare il cerchio di pietre per tentare di ritornare nel suo tempo, neò frattempo,  nel passato Claire farà la conoscenza di Jamie, stalliere reale con un passato tragico alle spalle.

OPINIONI

Non sono un lettore molto vorace, lo ammetto, ma devo dire che La Straniera si dimostra un libro abbastanza interessante.

È stata anche tratta una serie televisiva, presumibilmente ispirandosi alla trama del primo libro della serie, ma non ne sono sicuro.

SCRITTURA

Non sono un esperto critico letterario, quindi non sono sufficientemente in grado di giudicare lo stile dell’autrice, ma devo ammettere che questo libro sembra scritto in maniera abbastanza buona, scorrevole e interessante, pur indugiando, forse, eccessivamente dal punto di vista descrittivo, questo, però, aiuta il lettore ad immedesimarsi maggiormente nel contesto storico.

CONCLUSIONE

Una buona partenza per una serie che si dimostra abbastanza interessante, anche se con un’idea “presa in prestito” da un altro genere letterario.

Se avete la possibilità e siete interessati alle saghe letterarie vi consiglio di rcuperarlo!

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •